I miei viandanti

martedì 26 gennaio 2010

E torta della nonna sia!





E' un fatto appurato che, per quanto riguarda la frolla, sono un mezzo disastro.
Il bello è che le crostate sono tra i miei dolci preferiti: non mi piacciono molto nè quelli troppo pannosi nè quelli carichi di creme, burro e così via.
Insomma, sono capace di sbavare davanti ad una semplice crostata alla marmellata, e restare abbastanza indifferente se mi mettono sotto il naso una mimosa, una torta alla panna e cose del genere.
Certo, poi, sforzandomi un po' riesco pure a mangiarmene mezza, però senza grande convinzione.
Però con la frolla non ho un buon rapporto, forse perchè non amo molto il burro.

Questi giorni poi sto combinando pure disastri con la mdp, due pagnotte in due giorni una peggio dell'altra, ma penso di aver capito l'inghippo (credo che sia il lievito secco che ho comprato al discount): sono rimaste piatte, lievitando bene prima e sgonfiandosi poco prima di essere infornate, nonostante quella di ieri di semola di grano duro l'abbia lasciata lievitare ben sei ore nel forno caldo, coperta amorevolmente da un canovaccio di spugna. La mollica è venuta compatta, con uno strano odore e uno strano sapore salaticcio...non mi era mai successo, per cui o è il lievito balordo di suo, o ce ne ho messo troppo (una bustina da 10 grammi, mentre quella di Mastro Fornaio è da 7), oppure è la farina di segale che comincia a dare segni di squilibrio, però la pagnotta di segale dell'altra settimana è venuta perfetta, quindi...

Comunque, stavolta ho deciso di cambiare tipologia di dolce, ormai i ciambelloni mi vengono pure ad occhi chiusi, quasi sempre ( ne ho fatto una alla farina di castagne che non ci è piaciuto per niente, la prima volta che la uso e mi sa anche l'ultima), e allora...via con le frolle!




Se c'è una cosa che mi riesce peggio della frolla, è la crema pasticcera.
Eh sì, non c'è una volta che mi viene bene, è una sfida all'ultimo sangue tra me e un intruglio giallastro pieno di grumi che non vuole saperne di diventare crema pasticcera. Sono anni che non la faccio, evito anche di fare la crostata di frutta così non combino disastri.
Che poi sono una che segue meticolosamente le dosi e la preparazione (tipo sbattere le uova con lo zucchero, aggiungere il latte caldo a filo etc etc...)...mia madre invece, che fa tutto ad occhio e a memoria, ha sempre preparato una crema pasticcera da urlo, ma dico io...

Stavolta però, posso assicurarvelo, la crema pasticcera mi è riuscita una favola!
Ho scelto una crema pasticcera classica, non troppo densa.
Lo so che la torta della nonna deve essere più compatta, con una crema densa, probabilmente ci sono in circolo altre ricette più tradizionali, più rispondenti alla classica torta della nonna, guardate ad esempio qui, qui e Giallo Zafferano (dove trovate tutta la descrizione della preparazione con fotografie), e anche dal Cavoletto, che propone una versione con la farina di mandorle da cui sono stata molto tentata.

Ho cercato però una crema che non fosse troppo pesante nè con troppi tuorli, chissà, forse ho anche sbagliato...ma vi assicuro che questa crema morbida è riuscita una vera delizia (nonostante tagliare la torta non sia proprio facilissimo, e bisogna mangiarla necessariamente con la forchetta). Diciamo che ho fatto un po' un assemblaggio di ricette, pescando per esempio in questa pagina dei Borghi Toscani e la crema della Ciliegina sulla Torta.
Insomma, magari cercherò un'altra ricetta ancora più Torta della nonna classica, però questa è sicuramente da aggiungere al mio ricettario personale.
Per stavolta, anche la frolla non è venuta niente male, non la frolla classica, ma un impasto con un terzo di fecola di patate e le uova intere.




Alla fine, questa è la ricetta:

Per un tortiera da 24 centimetri (a me è avanzato qualche cucchiaio di crema e un pezzetto di frolla, forse con una da 26 o 28 viene anche più bassa e più compatta)

Frolla


200 grammi farina 00
100 grammi fecola patate
125 gr burro
100 grammi zucchero
2 uova intere (grosse)
mezzo cucchiaino lievito per dolci

Per la Crema pasticcera

4 tuorli di uovo (grandi)
100 grammi zucchero
50 grammi farina
mezzo litro di latte
scorza di limone

Riscaldare il latte, senza farlo bollire e metterci la scorza.

Sbattere con la frusta (a mano) le uova con lo zucchero, quindi aggiungere la farina, continuando a mescolare con la frusta.

Aggiungere il latte a filo, continuando a mescolare.

Mettere sul fornello grande, su uno spargifiamma, col fuoco al minimo (ecco perchè mi venivano sempre i grumi, usavo il fuoco troppo alto).

Cominciare a mescolare con la frusta, per circa 15 minuti, fino a che la crema non si è addensata (mai far bollire la crema, altrimenti impazzisce).

Togliere dal fuoco e continuare a mescolare per circa cinque minuti, poi mettere da parte, mescolando ogni tanto perchè non si formi la pellicina sopra.

Preparare la frolla con il metodo classico, e mettere in frigo per almeno mezz'ora.

Stendere la frolla con il mattarello sulla carta forno, lasciando un po' di pasta per la striscia.

Foderare la teglia, in modo che la pasta arrivi sopra al bordo.

Colare la crema ormai fredda nella tortiera (se fosse più densa, dovrebbe essere stesa più in alto al centro, ma in questo caso non è stato possibile).

Formare un lungo cordoncino e applicarlo al bordo della torta, poi con i rebbi della forchettafarlo aderire bene.
Cospargere di pinoli, infornare nel forno caldo a 180 gradi, sul ripiano di centro, per 40 minuti.

Sfornare e lasciar raffreddare, prima di toglierla dalla teglia (con la carta forno viene via benissimo).

Cospargere di zucchero a velo, e conservare il frigorifero.

34 commenti:

  1. adoro questa torta, e le foto sono strepitose, viene voglia di allungare la mano e prenderne una fetta :-)

    RispondiElimina
  2. meravigliosa e senza tempo questa torta le foto parlano da sole è davvero strepitosa!!!baci imma
    p.s. gellis ho aggiornato anche il blog di ricette con la mdp se ti interessa ti lascio il link,baci
    http://ricetteconlamdp.blogspot.com/

    RispondiElimina
  3. Questa è una delle mie torte preferite!! Buonissima, pastafrolla+crema pasticcera è un binomio favoloso.
    PS: ho prenotato nel mio consorzio bibliotecario "La foresta incantata" di mary Stewart. Spero che arrivi presto!

    RispondiElimina
  4. proprio una meravoglia, anch'io preferisco la crema più morbida e devo ammettere che la tua sembra venuta proprio bene...baci

    RispondiElimina
  5. Allora andiamo proprio d'accordo: noi preferiamo le torte casalinghe a quelle pasticciate; una buonissima focaccia o una crostata alla frutta/marmellata..decisamente meglio di un insieme di panna, crema e altro! e dà più soddisfazione!
    Neppur enoi abbiamo un buon rapporto con il burro....ed infatti le nostre frolle riescono sempre "particolari"
    la tua torta però ci sembra riuscita molto bene: delicata e semplice! leggera e proprio buona!!
    bravissima!
    un bacione

    RispondiElimina
  6. una delle mie preferite!!! ha un'aspetto bellissimo per giunta, complimenti!!

    RispondiElimina
  7. @ Susina: ora è diventata una delle mie preferite, visto che ci sono riuscita
    :-)

    @ Manuela e Silvia: allora non sonoml'unica a pasticciare con la frolla, meno male...

    @ Piera: pensavo si rapprendesse di più nella cottura,ma forse è proprio la ricetta che è diversa...è venuta bene lo stesso

    RispondiElimina
  8. @ Ivy: sono sicura che ti piacerà, io l'ho letto non so più quante volte

    @ Imma: sono venuta a vedere già svariate volte, solo che non riesco a lasciare il messaggio, si incanta sempre
    :-(

    @ Elisabetta: ho cercato di rendere la morbidezza della crema
    :-)

    RispondiElimina
  9. E' una delle torte che preferisco in assoluto, ti è venuta benissimo, complimenti per le foto! Saluti Manu.

    RispondiElimina
  10. per la frolla la mia nonna mi ha sempre suggerito di prendere il burro migliore in commercio, altrimenti non viene... per la crema pasticciera....ahi!ahi!ahi! pure per me è un terno al lotto... perchè non ho pazienza.... penso che sia una questione di latte e di pazienza...

    RispondiElimina
  11. Grazie Manuela, un saluto a te

    @ Occhi di notte: infatti l'ho fatta cuocere tantissimo, girandola con molta pazienza, ed è venuta perfetta!!
    Per quanto riguarda la frolla, sono proprio io che sono un po' imbranata
    :-)

    RispondiElimina
  12. IO VADO PAZZA PER LA TORTA DELLA NONNA !!!!! che buona...... basta domani che vado dalla mia mamma la prepariamo, anche mia mamma fa tutto a occhio... che vizio.....

    RispondiElimina
  13. che bella!!! l'ho fatta anche io un paio di volte ma non l'ho mai fotografata... adesso mi è venuta voglia di rifarla!!! ti metto tra i blog che seguo, un bacio

    RispondiElimina
  14. uh mamma mia ...questa tua crostata è proprio golosa....mi ispira anche la formulazione della frolla! :)

    RispondiElimina
  15. E' bellissima la tua torta della nonna nuda, senza il coperchio di frolla, ha un non so che di elegante...sulla bontà non ho dubbi!

    RispondiElimina
  16. favolosa !!! anche io preferisco questo tipo di dolci e frolla e crema li trovo irresistibili!! un abbraccio! questa la provo di sicuro!!

    RispondiElimina
  17. Ciao!!! Niente male la costata...anche tu lievito!!!Allora siamo in due ad essere cacciate da qualsiasi scuola di cucina...però sai che ti dico...se il risultato che si ottiene piace,va benissimo così... alla faccia dei pasticcieri!!!!
    UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
  18. Che bella! Sono semi svenuta davanti alla prima foto... :D

    RispondiElimina
  19. @ Gabri: sì, l'aspetto intriga parecchio
    :-)

    @ Marifra: infatti, ognuno ci deve mettere la creatività e gli ingredienti che vuole, se agli altri non sta bene, ciccia!

    @ Katty: se la provi, fammi sapere

    @ Valeria: io sono già imbranata di mio, la copertura di frolla sarebbe stata oltre le mie possibilità, ahahah

    RispondiElimina
  20. @ Lo: allora non sei una purista della frolla?

    @ Vale: ma come, non l'hai fotografata?! Se c'è una torta che si presta, è proprio questa...

    @ Calendula: se tua madre ha una versione alternativa, la provo volentieri

    RispondiElimina
  21. una super torta, ti è venuta benissimo brava!!!! ho nella mia lista delle cose da provare anche la mitica torta della nonna , mi stai facendo venir voglia di provarla, ma poi...come faccio a non assaggiare??!!
    ciao Reby

    RispondiElimina
  22. Anch'io adoro le crostate da quelle semplici a quelle un pò più elaborate, però ho sempre un pò di paura perchè a volte non mi si sono cotte bene..ho risolto ultimamente cambiando stampo...
    Bellissima la tua Torta della nonna!!!..le foto sono molto belle come sempre del resto!!!

    P.S. secondo me, hai fatto lievitare troppo il pane, per questo ti si è afflosciato nel centro...(ovviamente dipende anche da quanto lievito hai messo.)

    RispondiElimina
  23. @ Rebecca: pensavo fosse più coplicata da fare, invece la crema mi è venuta bene, la frolla pure...insomma, meno peggio di quanto pensassi
    :-)

    @ Morena: ho capito che era il lievito, forse scaduto..la pagnotta di ieri, con gli stessi ingredienti ma lievito Mastrofornaio, è venuta benissimo!

    RispondiElimina
  24. Bene bene, allora tutto risolto....

    ciao ciao bacione

    RispondiElimina
  25. ...sei bravissima! ... io credo che il fatto che un impasto oggi va bene ma domani no sia dovuto a tanti fattori... prima di tutto certo il tipo di ingredienti!, che non sono più naturali come quelli delle nonne, e vabbè; poi le fasi lunari... leggi "Servirsi della Luna" ed Tea: ci ho trovato un dacco di dritte per altri motivi, chissà anche per gli impasti!, ora non ricordo.

    RispondiElimina
  26. Ciao, ti conosco di nome ma non ero mai stata qui. Il tuo blog mi piace molto, nel colore soprattutto che trovo rilassente, invitante... La torta della nonna la adoro letteralmente, alle volte la preparo e dura sempre pochissimo... non è molto differente dalla tua, quindi so quanto sia buona!! Tornerò presto a trovarti... tra le tue leccornie e le tue delizie!
    Deborah

    RispondiElimina
  27. Ciao, ti conosco di nome ma non ero mai stata qui. Il tuo blog mi piace molto, nel colore soprattutto che trovo rilassente, invitante... La torta della nonna la adoro letteralmente, alle volte la preparo e dura sempre pochissimo... non è molto differente dalla tua, quindi so quanto sia buona!! Tornerò presto a trovarti... tra le tue leccornie e le tue delizie!
    Deborah

    RispondiElimina
  28. ieri sono andata casa di mia madre e armate di santa pazienza abbiamo fatto la torta della nonna.... è venuta buonissima, e quindi oggi per colazione insieme al mio immancabile the una bella fetta di torta ...che soddisfazione!!!

    RispondiElimina
  29. Per essere una che non ci si piglia con le frolle.... signora mia! che meraviglia!
    e la crema pasticcera?.....
    oioisantamammadeifelini
    addento il monitor?

    Bravissima, come sempre, ma.... ma una menzione speciale va alle foto!
    Quand'è che mi insegni?

    nsinasifotoritardati

    RispondiElimina
  30. @ Miciapallina: quando vuoi, ma sappi che avere una splendida reflex aiuta non poco
    :-)

    @ Calendula: allora vogliamo le foto!!!

    Grazie e benvenuta, Deborah, una nuova amica fa sempre piacere

    @ Morena: almeno credo! Sicuramente quel lievito non lo userò più, speriamo sia proprio così

    @ Criss: è vero, alcune volte mi pare che i lievitati rispondano a leggi tutte loro
    ;-)

    RispondiElimina
  31. Mia cara, effettivamente anche io ho riscontrato che 10 gr di lievito erano troppi e davano per giunta un brutto sapore al pane e così ho diminuito e ora metto mezza bustina! Per il dolce con la farina di castagne, perché non provi la mia torta morbidissima, è veramente buona. Terzo la tuaqa torta mi pare meravigliosa. Io faccio la crema pasticcera con il Bimby e tutto è più semplice (ci vogliono due uova intere e due tuorli), per cui mi sa che la devo proprio provare!

    RispondiElimina
  32. 最偉大的天才如果終日躺在草地上,讓微風吹拂,眼望天空,那麼溫柔的 靈感也不會光顧他的。 ....................................................

    RispondiElimina
  33. La Torta sembra davvero invitante e poi la consistenza della crema pasticcera sembra proprio da manuale, leggermente morbida. Io la faccio con anche uno strato di frolla sopra la crema, e i pinoli come guarnizione. Anche quella preparata da te sembra una vera delizia. Ancora complimenti

    RispondiElimina
  34. Ogni volta che scorro le tue pagine all'indietro rimango deliziata. Questa ricetta mi fa venire l'acquolina in gola ogni santa volta!

    RispondiElimina

Pellegrino che ti aggiri per queste lande incantate, mi farebbe piacere una traccia del tuo passaggio...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails