I miei viandanti

martedì 21 maggio 2013

Lezioni di Cioccolato




Eh no, non ho smesso di postarvi cose che ho già pubblicato in Blog di Cucina!


Pensavate di esservi liberate delle mie recensioni, invece eccone una di un film di qualche tempo fa, che però a me era piaciuto molto: ha qualche annetto, ormai, ma si trova tranquillamente in DVD. Io non amo, in genere, la commedia all'italiana: sarà snob, ma preferisco la commedia francese, meno sboccata e più sottilmente ironica delle nostre, ma qualche volta ci sono anche delle gradevoli eccezioni: niente di spettacolare, ma anche una piccola commedia garbata, ben scritta e con buoni tempi comici, a volte è piacevole da guardare.

E quindi:


Lezioni di cioccolato

Premetto che sono andata a vedere questo film  con dei grossi pregiudizi, a cominciare dalla scelta degli attori fino alla locandina, che sembra un vero plagio al ben più famoso Chocolat (film delizioso, argomenti di uno dei prossimi post).

E allora, perché questa recensione? Perché, invero, Lezioni di Cioccolato non sarà un capolavoro del genere, però  è un film ben girato, ben recitato e con una sceneggiatura piuttosto spumeggiante: e poi, ovviamente, per le scene in cui il protagonista assoluto è lui, sua maestà il cioccolato, in tutta la sua libidinosa voluttà scura e profumata.


Protagonista del film  un bellissimo e arrogante geometra, che pare ricalcato (anche fisicamente) su un noto personaggio balzato agli onori della cronaca nera per un fattaccio di   fotografie e ricatti: look da tamarro, capelli lunghi raccolti a cipolla, ricco e coatto (ovviamente con un bel Suv inquinante), che tratta tutto il mondo come pezze da piedi, soprattutto gli operai extracomunitari che hanno la sfortuna di lavorare per lui (in nero, ovviamente).

La pacchia finisce quando un operaio egiziano cade dal tetto (senza ponteggio per risparmiare) e si rompe tutte e due le braccia: con questo incidente si preclude ogni possibilità di frequentare un corso  di Cioccolato alla Perugina, per poi aprire un negozio.
Da vittima Kamal diventa carnefice, obbligando il geometra a calarsi nei panni dello sfigato extracomunitario e a frequentare il corso al posto suo, pena la denuncia. Il bel tamarro si vede costretto ad un taglio di capelli , a vestirsi con vestiti di scarto, ad andare in giro con una vecchissima e scassata macchina, addirittura a lasciare il costosissimo cellulare a cui sta sempre attaccato, e a chiudersi per una settimana in un convento a Perugia.



Le lezioni di cioccolato risultano (il maestro cioccolatiere è un lungo chiomato Neri Marcorè), ovviamente, una vera catastrofe, tanto che gli assegnano come tutor una bionda e gentile fanciulla, che purtroppo si prende a cuore il suo caso pietoso e comincia a combinargli un disastro dopo l’altro, con l’intento di aiutarlo.
Il geometra è costretto a seguire le lezioni di cioccolato, inseguendo il miraggio di un piccolo momento d’estasi perfetto, a ripetere le lezioni a Kamal e a lavorare di notte, in una girandola di avvenimenti che si fa sempre più vorticosa fino a raggiungere la catastrofe.

Alla fine, assieme a Kamal , riuscirà a creare il suo piccolo momento d’estasi, il cioccolatino perfetto, a base di nocciole di Monteacuto e datteri, perfetta sintesi della pasticceria italiana e egiziana.  

L’happy end, in qualche modo c’è, ma non poi così scontato, e comunque stemperato da un filo di sano umorismo con, in aggiunta, un pizzico di riflessione sulla diversità di due mondi solo apparentemente inconciliabili.

Critica: se amate il cioccolato, vi verrà la bava alla bocca, mentre i sei aspiranti cioccolatieri pasticciano con cioccolato fuso, nocciole e morbidi ripieni cremosi.

Innanzi tutto la scelta degli attori, che sulla carta mi aveva lasciato piuttosto freddina: l’eterea Violante Placido  (che di solito, sinceramente, mah!) riesce a calarsi a meraviglia nella parte della sconclusionata e un po’ isterica. Di lei è stato detto che è un panetto di burro recitante: beh, mai definizione mi è sembrata più azzeccata.
Una piacevolissima sorpresa invece Luca Argentero, ex Grande Fratello: nel film di Ozpetek Saturno contro aveva dato prova dell’espressività di uno zucchino, per non parlare del pessimo remake La Baronessa di Carini (ma qui, forse, la coprotagonista Vittoria Puccini non l’ha aiutato molto).

Nella doppia parte di coatto e sfigato risulta invece convincente, anzi,  assai esilarante nella sua lingua italo-egiziana autoinventata, dando prova anche di una certa autoironia e di non essere solo una bella statuina. 
Questo fa ben sperare per un’evoluzione futura, aspettiamo trepidanti le prossime prove ( le mie previsioni mi sembrano azzeccate, col senno di poi, n.d.r)

Il migliore di tutti, però, è Kamal, l’operaio egiziano che diventa veramente sadico.


Un velo pietoso occorre tirare invece sul seguito, Lezioni di Cioccolato 2: se il primo vi è riuscito bene, evitate di fare una catastrofe col secondo, per favore! 
Purtroppo i bei sequel si contano sulle dita di una mano, nel mondo del cinema (provo a citarne alcuni: Il tempo delle Mele 2, dove Pierre Cosso era un bonus non indifferente, ma sicuramente pochi di voi possono ricordarselo perché erano ancora in fasce...e poi non me ne viene in mente nessun altro!), e in questo caso davvero sono riusciti a fare un disastro con lo stesso cast (o quasi, mancava Violante Placido, ma non credevo proprio che lei facesse la differenza): una commediola dalla trama sfilacciata, leggerissima, battute dimenticabile, i soliti cliché e luoghi comuni delle commedie nostrane, insomma, lasciate proprio perdere!

A questo film avevo legato, su Blog di Cucina, una ricetta golosissima, un inzuppato al Cioccolato che avevo postato anche sul Blog, e che per questa occasione vi ripropongo!



Inzuppato al cioccolato (ricetta di famiglia)

Per una teglia di queste dimensioni più un altro po’ di avanzo
Un ciambellone o un pan di Spagna, di media consistenza (né troppo molliccio né troppo consistente): io vi riporto una ricetta che va bene, poi fate voi.
 Ciambellone semplice (teglia a ciambella 26 centimetri)
3 uova, 350 grammi di farina, 200 grammi di zucchero, un bicchiere di latte, mezzo bicchiere di olio di oliva, una bustina di vanillina, una bustina di lievito.
Montare le chiare a neve con un pizzico di sale, montare i tuorli con lo zucchero, quindi aggiungere il latte e l’olio. Aggiungere, sempre montando con le fruste elettriche, tutta l farina mescolata col lievito e la vanillina, quindi aggiungere le chiare, mescolando con un cucchiaio di legno dall’altro in basso senza smontarle.

Infornare a 180 gradi, secondo ripiano dal basso, per circa 40-45 minuti. Sfornare, far raffreddare la torta e sformarla, quindi tagliarla a fette regolari.

Per il cioccolato:
riscaldate un litro di latte, in un’altra pentola mescolate 7 cucchiai di cacao amaro, 7 cucchiai di zucchero e 7 cucchiai abbondanti di farina.

Aggiungete poco a poco, mescolando con un cucchiaio di legno, il latte caldo (ma non bollente), in modo da formare meno grumi possibili, quindi continuate a mescolare per tutta la cottura, a fuoco dolce, meglio ancora su uno spargi fiamma.

Dopo più o meno 15 minuti la crema al cioccolato comincerà ad addensarsi. Appena raggiunge il punto di densità giusto, toglierla dal fuoco e, ancora bollente, cominciare a formare l’inzuppato.
Versare uno strato sottile di cioccolato bollente sul fondo della pirofila scelta, quindi disporre sopra le fette uno accanto all’altra, non sovrapposte ma il più accostate possibile, quindi versare metà del cioccolato, fino ad inzupparle bene.

Fare un altro strato di fette di ciambella, e affogarle di nuovo nel cioccolato bollente, fino a coprirle bene.
Mettere in frigo per almeno dieci ore. Il giorno dopo è ancora più buono.

44 commenti:

  1. Accidenti che goduria questo post cioccolatoso, il film me lo sono perso perchè generalmente non amo i film italiani, ma ora prenderò nota ed appena lo daranno in tv mi ricorderò di guardarlo, mi hai propio incuriosita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io non li amo, per questo ho segnalato Lezioni di Cioccolato, perché una piacevole eccezione!

      Elimina
  2. Bellissima recensione e spettacolare ricetta!!! Complimenti per tutto!!!! Un bacio e buona serata

    RispondiElimina
  3. Io l'ho visto anche a me è piaciuto!
    Però mi piace di più la tua meraviglia traboccante di cioccolato, non sai cosa darei per averne un po' adesso!!! La provo quando mi sento giù, sono sicura che farà miracoli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti è uno di quei dolci veramente coccolosi, ma talmente buono che poi è difficile smettere!

      Elimina
  4. Il film è un genere che evito accuratamente, mentre l'inzuppato al cioccolato no.. e anzi, mi ci tufferei dentro!! che tentazione, cara Geillis! Grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. neanche a me piacciono le commedie italiane, l'ho appunto scritto che questa è una delle poche eccezioni!

      Elimina
  5. Sembra carino questo film , ancora non lo visto! Il tuo dolce è irresistibile per me ...amo la cioccolata!!
    ciao ..buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per passare una serata in allegria, è l'ideale, se poi c'è anche una buona torta, pure meglio!

      Elimina
  6. Che dolce attraente, mi sembra di sentire l'odore anche qui! Quanto a libidinosa voluttà, secondo me anche Argentero non scherza... Comunque il film è carino, confermo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. devo ammettere di averlo giudicato male, all'inizio, però non è male, sia come fisico che come attore, almeno rispetto a tanti che girano!

      Elimina
  7. Il tempo delle meleeee! certo che mi ricordo...era ieri;)
    e questo inzuppato..mmmhhhh
    Lieta

    RispondiElimina
  8. Il film l'ho visto 2 volte.. m'è piaciuto troppissimo!!!! E del tuo inzuppato che posso dire? che mi piacerebbe proprio farlo.. troppo goloso.. e ci vuol poco.. anche con fette di cambellone non più morbidissime! gnamm gnamm..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti è un modo anche per riciclare un dolce non più freschissimo, il cioccolato bollente ammorbidisce tutto!

      Elimina
  9. oh mamma mia... sono già ingrassata! ;) Sono andata nella sezione pane! E' fatto benissimo. Ti aspetto da me, cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho un rapporto problematico con i lievitati, per tutti quelli che vedi, ne ho fatti altrettanti venuti così e così, però non dispero ;)

      Elimina
  10. Ho visto, con molto piacere, Chocolat con una Binoche e un Jhonny Depp deliziosi; ho visto, e non mi è piaciuto granché, La fabbrica di cioccolato, ma non ho visto Lezioni di cioccolato. Pazienza, mi riconsolerò con il tuo irresistibile dolce inzuppato! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chocolat è uno dei miei film preferiti!!

      Elimina
  11. quel film lo ricordo benissimo lo vidi in tv e sinceramente sorprendentemente mi piacque, anche io come te non amo il genere commedia all'italiana. Questo inzuppato di famiglia invece è da sballo...troppo goloso!!!!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  12. Anch'io ho trovato "Lezioni di cioccolato" un film carino e piacevole.
    Dell'inzuppato che ti posso dire... marito e figlie si getterebbero su questo dolce come sciacalli!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti è una ricetta che ho assaggiato quando ero abbastanza giovane, e l'ho subito adorato!

      Elimina
  13. Visto! :)
    Un bel film e molto piacevole la tua interessante recensione.
    Anche la ricetta cioccolatosa dall'aspetto invitante sarà sicuramente ottima!
    Complimenti e a presto!

    RispondiElimina
  14. Non ho visto il film italiano, per il tuo stesso motivo. La tua recensione è interessante, penso che lo guarderò. Che dire della ricetta? Adoro il cioccolato e sto letteralmente sbavando...e sono pure a dieta...sono masochista! :D
    Ciao e complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito le commedie mi piacciono poco, questa è stata davvero un'eccezione!

      Elimina
  15. Noooo, non posso aprire il computer di prima mattina ed imbattermi in codeste immagini!!!! Tasso glicemico alle stelle!!!
    Il film non lo conosco (confesso l'uguale tua diffidenza verso la commedia italiana!) ma adoro la cioccolata, quandi mi hai stuzzicato!!!
    Io il tempo delle mele 2 lo ricordo eccome... e anche quel figaccione di Pierre!!!
    Un bacione cioccolatoso
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quei film hanno segnato un'intera generazione ;)

      Elimina
  16. Mamma mia che cosa peccaminosa!:)
    Mi ci tufferei dentro!
    Mi sono aggiunta tra i lettori fissi, non so perchè mi era sfuggito!
    Ciaooooo

    RispondiElimina
  17. Luca argentero l'ho trovato molto bravo, espressivo, anche in altri film. Questo non l'ho visto ma vista la tua recensione non me lo perderò, trascurando il seguito. E' geniale questo dolce, mia cara! E' la seconda ricetta della tua famiglia (dopo la frittata di patate, che da quando l'ho provata una volta, non ho più smesso di prepararla .-)) che mi colpisce! Deve essere favoloso il tuo inzuppato... Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mamma sarà contenta di saperlo :)

      Elimina
  18. Il film non l'ho visto!il tuo dolce mi attira molto!Ummh,ne sento il profumo!Baci,Rosetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cioccolato, che è veramente tanto, in effetti dà un profumo veramente goloso!

      Elimina
  19. Che bello questo film, uno dei più carini sulla cucina :))
    E la ricetta buonissima :D

    RispondiElimina
  20. Laura sto per svenire, io sono ciocolato-dipendente, che goduria!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, è davvero un dolce godurioso!

      Elimina
  21. Non ho visto “Lezioni di cioccolato” ma confesso (mea culpa!) di non aver mai visto neanche “Chocolat” . Da cioccolatomane è stata quasi una scelta auto-protettiva anche se la curiosità, dopo la tua recensione, torna a farsi sentire. Nel tuo inzuppato di cioccolato...ci affogherei :D! Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chocolat è in assoluto uno dei miei film preferiti, insieme a Pane e Tulipani e Il favoloso mondo di Amelie, non puoi non averlo visto, è davvero bellissimo con un Depp in stato di grazia!!

      Elimina
  22. Salve!

    Abbiamo visto che hai tantissime deliziose ricette nel blog! Vogliamo presentarti il sito http://www.ricercadiricette.it, dove gli utenti possono cercare tra oltre 150000 ricette che appartengono a siti web e blog in italiano. Abbiamo anche creato il Top blogs di ricette, dove puoi trovare tutti i blog che ci sono già aggiunti. Puoi anche aggiungere il tuo blog all’elenco! Noi indicizziamo le tue ricette e gli utenti le potranno trovare usando il nostro motore di ricerca. E non devi preoccuparti, tutto in Ricercadiricette.it è gratuito!

    Ricercadiricette.it ha diversi siti fratelli in Svezia, Spagna, Francia, Stati Uniti e in tanti altri paesi. Vuoi diventare un membro di questa grande famiglia?

    Restiamo a tua disposizione!

    Ricercadiricette.it

    RispondiElimina
  23. mamma mia che delizia infinita!!!!!!!!! piacere di conoscerti! ho un contest in corso se ti va di partecipare, ti aspetto! valycakeand.blogspot.it

    RispondiElimina

Pellegrino che ti aggiri per queste lande incantate, mi farebbe piacere una traccia del tuo passaggio...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails