I miei viandanti

giovedì 25 aprile 2013

Sotto il sole della Toscana



Innanzi tutto, buon 25 aprile a tutti!

Stamattina avevamo in programma una passeggiata fuori porta, in direzione del mare: è tanto tempo che avevo in mente di visitare i Giardini della Landriana, invece il cielo era coperto e abbiamo deciso di rimandare.



Abbiamo fatto invece una lunghissima passeggiata (secondo mio marito, che tiene traccia dei suoi spostamenti per calcolare i suoi percorsi di corsa e di bicicletta, sette chilometri) dentro Villa Pamphili, sia la parte della villa che l'altra. Il bellissimo parco era davvero pieno di gente, e abbiamo notato tantissimi gruppi, amici o famiglie, con cestini, pacchi e buste di cibo, evidentemente chi non ha avuto la possibilità di fare un viaggetto o partire, ha fatto lo stesso una gita in campagna con pic-nic, approfittando dei prati verdeggianti della splendida villa.

Vi ripropongo ancora un articolo da Blog di Cucina, uno dei miei libri preferiti legato alla Toscana e alla sua cucina, scritto dall'americana Frances Hayes: si tratta di Sotto il Sole della Toscana, uno di quei libri che ho riletto innumerevoli volte e che vi consiglio assolutamente.

Con l'occasione vi ripropongo una ricetta già presente in questo blog, ma che in quel caso era legata all'articolo e al libro.
Buona lettura!!



Sotto il Sole della Toscana

Stavolta quello che voglio consigliarvi non è il film (del quale se ne sarebbe fatto volentieri a meno) ma il libro: io sono un’appassionata di letteratura di viaggio, ci sono alcuni libri che ricreano colori, sapori e profumi della terra che descrivono, e questo è uno di questi.
Frances Mayes insegna Scrittura creativa all’Università di San Francisco, Sotto il Sole della Toscana è il suo primo successo letterario, in America e nel mondo intero. La signora in questione è appassionata di viaggi in Europa, e in Italia in particolare.
 Dopo una serie di vacanze  in Toscana alla fine degli anni Ottanta, si innamora di una vecchia casa, che porta il fascinoso nome di Bramasole, vicino Cortona e, in un impeto di follia, la acquista.

Bramasole  è un casale antico, immerso in un paesaggio tipicamente toscano, tra viti,  ulivi, cipressi, muri etruschi e una madonna di terracotta invetriata all’angolo del sentiero: ma è anche un pessimo acquisto, perché si rivela molto più rudere di quanto fosse apparsa a prima vista.
La Mayes, assieme al compagno Ed, impegna ben quattro estati per ristrutturare la casa, con varie peripezie e  vari personaggi che le ruotano attorno, ma soprattutto si immerge completamente nella vita e nelle tradizioni di questa zona, a cominciare dal vino (che acquista a casse intere,  ma quanto bevono questi americani?) e ovviamente il cibo, di cui comincia pian piano a scoprire ricette e segreti.
Il libro, oltre che divertente ed interessante, è corredato da molte ricette tipiche della zona, divise per stagioni, ed altre di sua invenzione.

Tra le ricette estive, vi cito la Zuppa fredda all’aglio, Gnocchi di semolino, Pollo con Ceci, pomodori e Timo, Fagotto di pesche al Mascarpone; tra quelle invernali le Castagne al vino Rosso, Pollo arrosto ripieno di Polenta, Bruschette di tutti i tipi, la famosa Ribollita toscana (volevo sperimentarla ma non ne ho ancora avuto il tempo) e infine questa deliziosa, semplice ricetta: Pere Invernali in Vino Nobile.



Di solito faccio le mele al forno, con zucchero e limone, oppure le metto a pezzi in casseruola con acqua, zucchero e limone. Le pere cotte non le avevo mai sperimentate, ma vi assicuro che questa ricetta con vino rosso e uvetta è squisita! Io ho scelto delle Williams rosse, piccole, dolci e profumatissime.


Intanto vi faccio assaggiare un pezzetto del libro:

Prefazione
“Nel 1990 (era la prima estate passata qui) ho comprato un enorme libro con le pagine bianche, la copertina in carta di Firenze e dei Nastri azzurri per chiuderlo. Sulla prima pagina ho scritto ITALY. Il libro è di tale bellezza che dovrebbe contenere un qualche immortale poema: invece ho cominciato a scrivere una serie di nomi di fiori ed erbe selvatiche, progetti, parole nuove, schizzi di mattonelle in stile pompeiano. Vi ho descritto le stanze, gli alberi, i versi degli uccelli, E poi annotazioni del tipo: I girasoli si piantano quando la luna entra nel segno della Bilancia, anche se non ho la minima idea del periodo in cui ciò avvenga. Ho citato le persone via via conosciute, i piatti che ho cucinato. Il  libro è diventato così  una sorta di cronaca dei primi quattro anni trascorsi qui. Oggi è pieno zeppo di menù, cartoline raffiguranti quadri, un disegno con la pianta di un’abbazia,  poesie in italiano e schemi del nostro giardino.
(….)
Spero che il lettore sia come un amico che venga a trovarmi, ed impari ad ammassare la farina sul piano di marmo del tavolo, e poi a impastarci le uova; un amico che si desti al verso del cuculo tra i rami del tiglio e passeggi tra le vigne canticchiando; che faccia la conserva di prugne, mi accompagni in macchina a visitare le cittadine fortificate sui cucuzzoli delle colline, con le loro cascate di gerani alle finestre. (…) Come vecchi contadini ci sediamo insieme accanto al fuoco, ad abbrustolire fette di pane e olio e a bere il Chianti novello. Dopo aver visitato stanze e stanze piene di Madonne rinascimentali, friggo in tegame delle piccole anguille, insaporendole co aglio e salvia. Sotto il fico due gatti  giocano a rincorrersi; noi ci godiamo il fresco. Ho fatto il conto: i colombi tubano sessanta volte al minuto. Il muro etrusco sopra la cas risale all’VIII secolo a.C. Possiamo chiacchierare. Ne abbiamo tutto il tempo.”

Se si vuole fare un appunto alla scrittura spumeggiante e dell’americana, è il considerare la Toscana, e gli italiani in genere, secondo il tipico pregiudizio degli stranieri, che ci vede tutti un popolo fantasioso, un po’ eccentrico, rozzo,  passionale, ancora attaccato a vecchie tradizioni, in definitiva crepuscolarmente romantico, esattamente come ci vedevano i viaggiatori del Gran Tour nel Settecento.

 Ad esempio, la Mayes si lamenta che non esistano letti a brandina, quelli che si chiudono in due parti: se me lo diceva, gli davo l’indirizzo di un negozio vicino casa mia, che  ne vende di vari modelli. Un’altra delle frasi che mi ha fatto saltare sulla sedia è stato il commento alla ricetta Insalata di Fusilli con Pomodori al Forno: “Non ho mai visto in un menù italiano l’insalata di pasta, che è una meravigliosa invenzione americana.” No dico, stiamo scherzando? Va beh, lo sanno tutti che i Fusilli sono un piatto tipicamente americano…

Forse sarebbe meglio tacere misericordiosamente del pessimo film che ne è stato ricavato, però due parole ce le spendo comunque, almeno vi comprate il libro e non il film.

A parte la bella Diane Lane, per il resto è la tipica commediola americana piena di stereotipi (molto peggio del libro), con tanto di Raul Bova che parla un improbabile napoletano, personaggio completamente inventato di cui non si capisce l’esigenza, se non quella di compiacere un pubblico oltreoceano per cui gli italiani sono tutti belli, maschi e traditori. L’unico pregio del film è l’ambientazione, ma di questo il regista non ha merito alcuno, visto che i dolci e sontuosi paesaggi toscani noi li conosciamo bene.



Ricetta:
Sbucciate quattro pere piuttosto dure, lasciando  il picciuolo. 

Adagiatele in una casseruola, copritele con un bicchiere di vino rosso, irroratele con del succo di limone.

Cospargete ognuna di un cucchiaio scarso di zucchero (potete usare anche quello di canna), aggiungete uvetta passita a volontà; la ricetta prevede anche vaniglia e chiodi di garofano, ma vi assicuro che viene benissimo anche senza.

 Fate cuocere dolcemente, a coperchio chiuso, per 10 minuti.

Scoperchiate, quindi girate delicatamente le pere, irroratele col sughetto di vino, quindi proseguite la cottura a fuoco dolce per altri dieci minuti, tenendo conto che non devono disfarsi.
Potete servire tiepide o fredde.


49 commenti:

  1. Ciao Laura, grazie! Anche noi oggi abbiamo fatto una passeggiata sui colli intorno alla città...era una giornata soleggiata e quasi calda!
    Le pere al vino rosso le faceva la mia mamma, senza uvetta però..
    Buona serata!
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a Roma faceva caldissimo, sembrava giugno!!

      Elimina
  2. Geillis,che bello questo tuo post!Anch'io ho sempre provato con le mele.Annoterò quasta ricetta sul mio quaderno!Baci,Rosetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le mele sono un classico, ma devo dire che queste pere sono assolutamente da provare!

      Elimina
  3. Lessi questo libro diversi anni fa e sulla scia del romanzo ho visto il film e come racconti te ne avrei fatto volentieri, grazie per avermi ricordato questa bella ricetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quando si tratta di fare film tratti da un bel libro, di solito riescono davvero a fare un disastro, mi sono sempre chiesta perché...

      Elimina
  4. I Giardini della Landriana non te li puoi perdere, sono bellissimi. Ma anche Villa Pamphili è splendida. Per non parlare poi di Cortona, dove è nata mia moglie!
    Le tue pere le dovrò provare: mi sembrano veramente molto buone! A presto

    RispondiElimina
  5. bella giornata che hai passato!!! grazie per il libro, dev'essere davvero interessante e le pere ottime!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, almeno a Roma abbiamo dei bellissimi parchi, non dobbiamo andare molto lontano!

      Elimina
  6. Ieri difatti è stata una giornata afosissima.. 27° segnava nelle ore più calde.. ma cielo velato!!! Buonissime le pere al vino rosso.. mi piacciono molto.. baciotti e buon w.e.

    RispondiElimina
  7. Non conosco questo libro! Ora mi metto subito alla sua ricerca, interessantissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara, visto dove abiti, pensavo fosse scontato che tu lo conoscessi, non puoi perdertelo!!! sicuramente conosci la Toscana meglio di lei, e ritroverai molti posti a te familiari, e ricette...

      Elimina
  8. Villa Pamphili è bellissima!..leggendo il tuo post mi sono reso conto che è da tanto che non ci torno! Le pere invece sono da provare..! A presto
    Federico

    lavaligiasottosopra.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io per fortuna ci abito abbastanza vicino!

      Elimina
  9. Squisita la cucina toscana, tantissimi piatti saporiti, pieni di storia e tradizione. E poi i paesaggi, l'odore di brace che si sente nell'aria appena inizia l'autunno, la gente, tutto...adoro la Toscana!

    RispondiElimina
  10. Che bello questo libro, non lo conoscevo e mi sembra molto interessante, grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se ti piacciono i libri di viaggio, la Toscana, la cucina...allora è il libro che fa per te!!

      Elimina
  11. Sono una toscana che vive sul mare...mi hai fatto venire una gran voglia di leggere questo libro!!!
    Non si finisce mai di scoprire lati nuovi di ciò che ci circonda!Grazie della dritta!
    Buona domenica Lieta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la Toscana è bellissima tutta, la parte della costa forse è quella che conosco meno, mi piacerebbe conoscerla meglio

      Elimina
  12. Buon 25 aprile a te, anche se in ritardo!
    Non ti ho fatto gli auguri in tempo reale perché ero in gita... ponte lungo in Valsesia! Posti fantastici e cibo ottimo *___*

    PS: grazie per averci segnalato l'uso improprio della parola "pergamena" ne "La stella di luna". Lo correggeremo nella stesura definitiva in ebook. Che asina, pensa ho ho anche studiato queste cose all'università, ahahhahah
    :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. brava, una bella gita risolleva sempre l'animo, e quando si mangia bene, anche di più

      Elimina
  13. grazie per questo pezzetto di libro mi hai messo la curiosità di leggerlo!
    bella anche questa ricettina!
    un abbraccio a presto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono contenta di averti fatto venire curiosità!

      Elimina
  14. Geillis sai devo ammettere che non amo le pere ma questa tua foto ti giurò è splendida e mette in dubbio le mie idee scusa l'assenza dal tuo blog un abbraccio a un amica sempre presente e affettuosa simmy

    RispondiElimina
  15. Risposte
    1. sai che ci avevo fatto caso anch'io?

      Elimina
  16. non sono riuacita a trovarlo :( Come possiamo fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. neanche su Amazon? l'edizione italiana è della Bur

      Elimina
  17. Io non posso che invitarti a provare presto la ribollita. La adoro. Uno dei miei piatti invernali preferiti. ora però non so se si trova ancora il cavolo nero. forse solo in inverno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'ho assaggiata proprio in Toscana, mi sono sempre ripromessa di provarla e invece...

      Elimina
  18. Io ho visto il film e nemmeno fino alla fine: davvero non mi è piaciuto! Però, la tua recensione mi ha invogliato a leggere il libro, lo cercherò in biblioteca. Queste pere sembrano davvero squisite!

    Ho letto il post precedente e sono completamente d'accordo con te; quante occasioni sprecate, quante delusioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credimi, io ho adorato il libro, il film mi ha fatto quasi arrabbiare per quanto era infedele e superficiale, praticamente un'altra storia

      Elimina
  19. che voglia di averne sottomano un piattino proprio ora...qui piove e fa freddo, mi piacerebbe gustarmelo in santa pace sotto una calda copertina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a Roma invece fa un caldo che sembra giugno, se cominciamo così...

      Elimina
  20. Che bello il tuo blog! Complimenti! Il post è molto carino e la ricetta invitantissima. Brava, brava, brava, sei una bellissima scoperta!

    RispondiElimina
  21. ❤❤❤♥ⓄⓃⒺ❤ⒽⒺⒶⓇⓉ♥❤❤❤
    ✿ܓ(⁀‵⁀) ✫ ✫ ✫ ✫ ✫ ✫ ✫
    ✿ܓ `⋎´ ✫ ✫ ✫ ✫ ✫ ✫ ✫ ✫
    •´.`•.¸.•´♥•.♥.♥•¸.•´¯` ❤♥❤
    ║░░░░░▄░░░░░▄░░░░░▄░░░░░║
    ║░░░░▀▄▀░░░▀▄▀░░░▀▄▀░░░░║
    ║░░░▀▄╣░░░▄░║░░░░░║░▄░░░║
    ║░░░▄░║░▄░░▀╣░▄░▄░╠▀░░░░║
    ║▒▒▒▒▀╬▀▒▒▒▒╠▀▒▒▒▀╣▒▒▒▒▒║
    •.♥..•♥.♥•.♥ ♥•.♥.♥•✫ SPLENDIDA GIORNATA✫

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mirta, Splendida giornata anche a te, e benvenuta!!

      Elimina
  22. Non conoscevo quel libro ma mi hai incuriosita. COme mi incuriosiscono queste pere, hanno un colore meraviglioso :) Un bacio, buon 1 maggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, il colore è davvero invitante! Buon 1 maggio anche a te, carissima

      Elimina
  23. Arrivo in ritardo (son mancata parecchio!).. ma faccio in tempo ad augurarti BUON PRIMO MAGGIO! :D
    Un abbraccio
    Manu

    pensierinviaggioo.blogspot.it

    RispondiElimina
  24. Avevo sentito parlare di questo libro e conoscendo i tuoi gusti raffinati mi piacerà! Sai che non riesco a mangiare la frutta cotta, anche se nel vino? Di qualunque frutta si tratti, mele, pere... L'aspetto è gradevolissimo e la foto come sempre splendida. Mi stai facendo venire in mente che non so se a mio marito potrebbero piacere. In effetti la torta di mele la mangia (io no)... Devo chiederglielo. Un bacio, amica mia, adesso vado a sbirciare fra le tue stanze e i tuoi mobili ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma dai, non sapevo che non mangi frutta cotta...niente torta di mele?! va beh, io per esempio sopporto poco le spezie e il piccante, il pepe e i tartufi, ognuno ha delle cose che proprio non riesce a farsi piacere, sicuramente troverai tanti altri dolci che sono di tuo gradimento, senza la frutta cotta!

      Elimina
  25. eh si, le pere al vino sono un piatto classico in toscana, io sono fiorentina e la mia mamma le faceva sempre per riscaldarci con le pere calde davanti al camino acceso nelle fredde sere invernali.... Invece un ottima ricetta di frutta cotta che ho scoperto viene dall'america: un ananas maturo tagliato a bocconcini, messo in una bustina di plastica a marinare con zucchero di canna e cannella, lasciare in frigo per almeno mezz'ora e poi cuocere in forno o sul bbq per 15 minuti....è davvero da provare!

    Ari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. te la copierò sicuramente, grazie!!!

      Elimina

Pellegrino che ti aggiri per queste lande incantate, mi farebbe piacere una traccia del tuo passaggio...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails