I miei viandanti

lunedì 10 gennaio 2011

Il primo dolce dell'anno



Giovedì sera, quando ho disfatto l'albero e riposto gli addobbi, ero quasi contenta di togliermelo di torno, come ero quasi contenta quando l'ho fatto,  tre settimane fa.

Devo ammettere che, come ogni anno, ho raggiunto la saturazione di tutto, di auguri, panettoni, dolcetti di tutti i generi e cioccolata, anche se in definitiva abbiamo passato un periodo molto tranquillo, con pochissimi grandi stravizi, niente regali e  festeggiamenti un po' sottotono.
Quest'anno non sono riuscita a fare nessun dolce speciale, intonato al periodo, neanche il Panettone Marietta, che negli anni scorsi era diventato quasi un'abitudine, un po' per il periodo di superlavoro che mi è toccato proprio sotto Natale, un po' per una certa pigrizia nei pochi giorni di riposo che avevo, in cui ero troppo occupata a fare la cura del sonno per rimettere le mani in pasta.

Però, finite le feste, in questi giorni in cui lavoro di meno,  ho subito ripreso a fare qualche dolcetto, visto che ormai anche gli avanzi di panettoni stanno terminando. Il primo dolce dell'anno, e anche le prime fotografie dell'anno, visto che non sono neanche riuscita a passare per Piazza Navona, come gli scorsi Natali.

Per l'occasione ho inaugurato uno dei due stampi in silicone nuovi di zecca, graditissimo regalo di Clotilde ed Ettore (che non avuto occasione di ringraziare di persona,  per il gentilissimo pensiero, e allora approfitto di questo post e queste belle fotografie per dimostrare tutto il mio apprezzamento): ho usato la ciambella a forma di rosa, che avevo già adocchiato da tempo.  In effetti viene molto graziosa, si presenta davvero bene (e poi  sono davvero comodissime, visto che odio imburrare le teglie)

Ho assemblato una ricetta che mi sembrava adatta, con ricotta, Strega, granella di nocciole e gocce di cioccolato, con una base di 250 grammi di farina: la forma è piuttosto capiente, con questa quantità di farina viene bene ma si può tranquillamente usare una ricetta con 350 o più grammi, riesce tranquillamente a contenerla.




Ciambella alla Ricotta con Granella di nocciole e Gocce di cioccolata

250 grammi di farina
190 grammi di zucchero

3 uova intere (medio-grandi)

250 grammi di ricotta di mucca

2 cucchiai strega

2 cucchiai latte

50 grammi granella di nocciole

50 grammi gocce cioccolato

1 bustina lievito


Battere le uova intere con lo zucchero, con la frusta elettrica, quindi aggiungere la ricotta ben scolata, il latte e il liquore.

Unire la farina mescolata al lievito, sempre montando bene il composto.

In ultimo unire le gocce di cioccolata e le nocciole a granella (tranne un cucchiaio).

Cospargere il fondo dello stampo a rosa (oppure un comune stampo a ciambella, di 24/26 centimetri di diametro) con la granella di nocciole rimasta, quindi versare l'impasto ed infornare nel forno già caldo a 180 gradi, sul secondo ripiano dal basso.

Cuocere per circa 50 minuti circa, quindi toglierla dal forno e farla raffreddare.

Capovolgerla e toglierla dallo stampo.

19 commenti:

  1. Ma è stupenda!
    se è anche buona!??!
    la voglio fare!
    sarò capace??? :D

    RispondiElimina
  2. facilissima, credimi, non c'è neanche il burro...

    RispondiElimina
  3. è bellissima questa torta...lo stampo le regala un aspetto che sottolinea la sua bontà! buon anno da oggi :)

    RispondiElimina
  4. Lo stampo che hai usato mi ricorda un certo disastro... :-D


    http://ambrosiaenettare.blogspot.com/2010/10/ciambella-al-cioccolato-bianco-ovvero.html

    RispondiElimina
  5. Questa ciambella balza fuori dal monitor! Bella e accattivante come solo un buon ciambellone sa essere!

    RispondiElimina
  6. Una domanda tecnica per capire.. hai usato gli stampi quelli tipo in.. lattice/gomma? a forma di rosa? Me li consigli? Io li guardo da lontano da un bel pò e non so bene come regolarmi... bisogna imburrarli internamente?

    RispondiElimina
  7. @ Carolina: ho usato lo stampo in silicone della Silikomart: è comodo perchè non va imburrato (tranne la prima volta che lo usi) ci versi l'impasto e basta, ed è facile da sformarsi, e si lava in due secondi...bisogna fare attenzione alla cottura, perchè tende e cuocersi di più sotto, e siccome poi lo capovolgi, dopo si vede...però ti consiglio di provarne uno, e vedere se ti trovi bene...io sì!

    RispondiElimina
  8. bellissimo il primo dolce dell'anno, mi piace molto :-)

    RispondiElimina
  9. concordo in pieno, amo le feste ma poi mi saturo...pensa che ho iniziato a togliere i molti addobbi di cui vado pazza...il 3 gennaio!
    Anche io ho ricevuto in regalo questostampo a rosa ed ero dubbiosa sulla ricetta da fare...ora che vedo la tua penso proprio che ti imiterò...appena smaltiti i panettoni...ahimè!!!
    BUON ANNO!!!!!

    RispondiElimina
  10. ma sai che io non ho ancora disfato nulla? mannaggia al tempo....
    splendida questa ciambella... sà di coccole... di tempo per un tè.... mi piace! baci Ely

    RispondiElimina
  11. bella!!!! come 1° dolce dell'anno ci sta proprio bene, una rosa dolce e profumata che sia di buon augurio.ti abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
  12. La ciambella con la ricotta ...buonissima ..lo conosco !
    Ottima con le nocciole e cioccolato,non li manca niente!
    ciao!

    RispondiElimina
  13. @ Nicoleta: in effetti l'abbinamento non è male!

    Grazie Rebecca, un augurio di buon Anno anche a te!

    @ Ely: sa anche un po' di tristezza, disfare tutto, no?

    RispondiElimina
  14. @ FrancescaV: in effetti sarebbe stata buona anche nello stampo normale, ma così è venuta proprio carina

    @ Polinnia: non è facile stabilire la capienza, direi che ci ho quasi azzeccato, la prossima volta magari uso una ricetta con più impasto, così viene più alta

    RispondiElimina
  15. umh, gnam gnam! La farò anche io!!

    RispondiElimina
  16. che voglia di mangiarla mi hai fatto venire...

    RispondiElimina
  17. Ma è bellissima questa ciambella... senza burro, come serve a me! La proverò sicuramente... cosa mi consiglieresti al posto della strega? qui da me non la trovo :(

    RispondiElimina
  18. @ Antonella: un liquore dolce, l'amaretto oppure un rosolio, un cointreau, qualcosa del genere!

    RispondiElimina
  19. E' stupenda questa torta e anche le ricette del tuo blog da oggi ti seguo volentieri, ciao

    RispondiElimina

Pellegrino che ti aggiri per queste lande incantate, mi farebbe piacere una traccia del tuo passaggio...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails