I miei viandanti

venerdì 7 febbraio 2014

La vita di sempre


Sono passate un paio di settimane da quel tristissimo giovedì.  
I primi giorni sono stati davvero,  davvero brutti, ogni tanto i miei occhi andavano alla porta  e quasi mi aspettavo di vederlo arrivare, leggero e sinuoso, e invece l'unico ad arri ad arrivare era il pensiero doloroso della sua perdita.


Innanzi tutto voglio ringraziare tutti quelli che mi hanno commentato il post precedente, mandato mail, messaggi, biglietti, telefonato, Angelica che mi ha preparato addirittura un buonissimo pkumcake per tirarmi su di morale. Per fortuna ci sono stati tanti amici e conoscenti  mi hanno donato veramente molto conforto, non pensavo di ricevere così tanta solidarietà. 

Ovviamente col passare dei giorni il dolore acuto comincia ad affievolirsi, anche perché Titti veramente mi consola moltissimo, ora che è rimasta solo lei.

Sono tornata alla vita di sempre, più o meno, e ho ricominciato anche  a fare qualche dolcetto, almeno prima che mi si rompesse il forno.

 Quel forno è stato davvero una delusione,  abbiamo speso una bella cifra per un signor forno, e invece è arrivato già rotto (sostituzione di tutta la piastra degli ugelli, ammaccata), l'anno scorso sostituzione della resistenza del grill elettrico e poi il gas che non si accende proprio, insomma un disastro. La prossima volta per prima cosa mai più forno a gas, pensavo fosse migliore di quello elettrico e invece no, e poi mai più una cifra assurda per un forno,  quello che avevo prima era una baracchetta e per 15 anni ha funzionato alla grande.
 Il tecnico che è venuto stamattina mi ha consigliato di di comprarlo direttamente nuovo, perché ripararlo ci viene quasi come comprarne uno elettrico di buon livello, ci sto pensando seriamente, anche se non ho mai avuto un forno elettrico e temo che i dolci non lievitino come con quello a gas, ho sentito pareri molto discordanti al riguardo.




Questa bella ciambella l'avevo portato al lavoro un po' di tempo fa, capita spesso che nelle giornate di spettacolo doppio qualcuno porti un dolce, almeno tra uno spettacolo e l'altro ci fermiamo lo stomaco.

Abbiamo assaggiato diversi tiramisù,  il castagnaccio, gli struffoli e la scorsa settimana una strepitosa pastiera, insomma non ci si fa mancare nulla.

 Pensavo di farne parecchi, vista la passione per fare dolci, invece finora mi sono esibita solo nella mia torta di mele preferita e questa Ciambella Cioccolato e Pere,  quest'anno ho cucinato davvero pochissimo, ma devo assolutamente ricominciare.

La ricetta originale Ciambella allo Yogurt proviene dall'Enciclopedia Italiana della Cucina di Repubblica, ma ovviamente l'ho cambiata a modo mio, cambiando qualche ingrediente e aggiungendo cacao e pere.



Ciambella alla Yogurt con Cacao e Pere

320 grammi farina
180 grammi di zucchero
3 uova intere medio-grandi
1 yogurt 125 grammi 
125 grammi ricotta
3 cucchiai olio evo
0.5 dl di latte
1 bustina di lievito
4 cucchiai cacao amaro
5 pere Abate

Battete con le fruste elettriche le uova intere con lo zucchero, quindi aggiungete ricotta, yogurt, olio e latte.

Mescolate accuratamente il lievito con la farina, quindi aggiungete poco alla volta, montando bene.

Infine aggiungete il cacao amaro e le pere a pezzi, lasciandone una o due a fettine per decorare la superficie.

Versate in una teglia a cerniera da 24 centimetri di diametro, imburrata ed infarinata, quindi disponete le fettine di pera rimasta sulla superficie della torta.

Infornate nel forno caldo (il mio a gas ventilato) per 170 gradi per 35 minuti, quindi spegnete il forno e lasciate altri 5 minuti a forno spento.

26 commenti:

  1. Lo scorso anno i miei genitori hanno deciso di cambiare la cucina, dopo 37 anni di onorata carriera i pensili non si chiudevano più, la cappa è bruciata (ti risparmio i dettagli dell'incidente domestico) ed era veramente arrivato il momento di passare ad una cucina nuova.
    Sul momento però io e mio fratello abbiamo sconsigliato i miei perchè gli elettrodomestici erano ancora perfettamente funzionanti.
    37 e tutto andava alla perfezione, ora vedremo quanto dureranno i miei ed i suoi nuovi, speriamo di essere più fortunati, ma non ci conto troppo.
    La torta è splendida e scommetto che tra un po' riprenderai a pieno ritmo, purtroppo la perdita di un animale domestico è pari alla perdita di un famigliare e capisco le difficoltà nel ricominciarla vita di sempre.

    RispondiElimina
  2. Tesoro capisco perfettamente come ti senti...lascaino un vuoto infinito...che tenera Titti che ti consola...io credo che vi consoliate a vicenda!!! Deliziosa questa ciambella..non uso mai le pere nei dolci..non so perchè eppure mi piacciono un sacco...sei una certezza con questo tipo di dolci!!!!!!

    Un abbraccio
    monica

    RispondiElimina
  3. Tesoro sono felice che piano piano ti stai riprendendo dalla tua perdita.
    Per quanto riguarda il forno a gas (che ho anch'io) devo confessarti che anche x me è stata una delusione e al prox round vado dritta dritta a quello elettrico, stai certa che cuoce meglio tutto dal pane ai dolci e soprattutto i biscotti che con questo rischio sempre di bruciacchiare!
    La tua torta è fantastica adoro quest'abbinamento e deve avere un profumo unico!
    Felice we <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
  4. Il dolce pare delizioso. Felice di tornare a leggerti. Ti penso.

    RispondiElimina
  5. @cispiolina: anche mia madre ha degli elettrodomestici vecchissimi che ancora funzionano, i miei li ho già cambiati tutti, in 15 anni!

    RispondiElimina
  6. @monica: è la seconda torta con questo abbinamento, e devo dird che erano squisite tutte e due, ti consiglio di provare!

    RispondiElimina
  7. @consuelo: sicuramente seguirò il tuo consiglio, grazie!

    RispondiElimina
  8. @carolina: lo so che mi capisci, non avevo dubbi

    RispondiElimina
  9. Se devi cambiare il forno, ti consiglio di prenderne uno elettrico. Contrariamente a quanto pensi, la regolazione della temperatura è molto agevole: c'è il termostato e quando arrivi alla temperatura impostata si spegne, per poi riaccendersi quando la temperatura si riabbassa. Se poi è ventilato (ma ormai hanno tutti la ventilazione) puoi cuocere anche 2 o 3 cose contemporaneamente perché la temperatura è uniforme in tutti i punti. Un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie del consiglio, penso che farò così!!

      Elimina
  10. Golosissima questa ciambella! ciao...buon weekend!

    RispondiElimina
  11. Carissima, la ricetta me la segno perché ovunque c'è cacao, ci sono io :-). Circa il forno elettrico, non preoccuparti, ci si abitua subito a regolare la temperatura. Il mio è Ariston, ce l'ho da 15 anni ed è ancora perfetto. Come dice un'amica più sopra :-), la funzione ventilata è splendida per infornare cose diverse e per le gratinature, perché asciuga molto. Il mio ha anche la funzione pizza, quella per i lievitati (c'è il simbolino della torta), lo statico, il ventilato, con o senza grill, e il solo grill, semplice o doppio. Insomma, non avere remore ad acquistare un forno elettrico!! Per qualunque altra domanda, chiedi pure!! Sono contenta che, seppure con una ovvia difficoltà, stai riprendendo la tua vita. Ti abbraccio forte <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie,mi conforti nella mia scelta, penso di aver deciso di cambiarlo!

      Elimina
  12. ma che bontà! la torta sembra davvero buonissimissima :)
    ancora una volta mi complimento per le foto. sono ben fatte davvero :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ci metto sempre molta cura, anche se vado di fretta!

      Elimina
  13. Carissima Geillis, ho letto del tuo bellissimo Koko e mi dispiace davvero tanto, immagino quanto questa perdita possa farvi male, io, i miei amici a quattro zampe li porto tutti nel cuore... E' stato un gatto fortunato, amato e coccolato, ha avuto tutto quello che un gatto può desiderare, pensalo così... un abbraccio grande, a presto

    RispondiElimina
  14. sembra strano che un gatto ci possa mancare così tanto , solo chi ha un animale riesce a capire , pensa che quando mia figlia mi portò Schizzo, il mio attuale micioamicociccicoccolo,non lo volevo perchè mi sentivo di fare un torto alla mia Millina!
    Se posso darti un consiglio opta per il forno termoventilato naturalmente elettrico , ce l'ho dal 1990 e mi viene tutto bene , sopratutto i lievitati e con il programmatore di accensione e spegnimento puoi programmare le cotture anche quando non sei in casa , una vera comodità ,ti abbraccio con affetto Reby

    RispondiElimina
  15. ciao...seguo il tuo blog gia da un bel po...io sono l amministratrice del blog:
    http://cottoespazzolato.blogspot.it/
    da poco ho dovuto cambiare l url al blog quindi sicuramente non riceverai i miei post nella bacheca...se ti fa piacere riceverli cancellati dal mio sito e riiscriverti...per cancellarti basta che vai sul riquadro dei miei lettori fissi e accedi al mio blog con il tuo username e password...poi sempre dal riquadro dei miei lettori fissi clicchi su la freccia vicini opzioni,poi su impostazioni sito e poi su "non seguire questo blog". dopo di che ti dovresti riiscriverti al mio blog...ne sarei molto onorata...grazie mille...

    RispondiElimina
  16. un abbraccio prima di tutto perchè altre parole non ci sono...
    e poi che bella torta quasi solare.
    Io non ho mai usato un forno a gas...sempre quello elettrico e non sono mai stata delusa....magari si tratta sola di adattarsi :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per ora va alla grande, l'ho usato però principalmente per cose semplici, dolci solo questo

      Elimina
  17. Coraggio! So che è un grande dolore, ma per fortuna il tuo gattone ha avuto una vita bella e lunga!
    Che meraviglia questo dolce!! E' bellissimo, oltreché sicuramente anche buono... l'accoppiata pere + cacao è sempre un must!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti questo pensiero mi consola molto!

      Elimina

Pellegrino che ti aggiri per queste lande incantate, mi farebbe piacere una traccia del tuo passaggio...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails