I miei viandanti

lunedì 27 gennaio 2014

Addio, piccolo amico



Sono giorni molto, davvero molto tristi, nella Foresta Incantata.

Il nostro bellissimo e amatissimo Koko se n'è andato, è volato nel paradiso dei gatti, dopo molti giorni di malattia, dopo un attacco da cui speravamo si riprendesse, piano piano, ed invece non ce l'ha fatta, l'abbiamo visto spegnersi a poco a poco, senza poter far nulla per trattenerlo.
Era arrivato ad una signora età, aveva raggiunto i 17 anni e mezzo che, per un gatto, non sono certo pochi, anche se i siamesi arrivano sovente ai venti anni, e noi speravamo che tra i suoi molteplici geni quelli del siamese fossero i più forti, che riuscissero ancora a combattere.
Era già una pena, negli ultimi anni, vederlo invecchiare a poco a poco, vederlo tremolare sulle zampine, gli occhi splendidi che ogni tanto sembravano non distinguere bene le cose, l'usuale vivacità sostituita da una calma più letargica, le lunghe ore passate a dormire invece che a giocare.




Purtroppo i nostri piccoli amici hanno una aspettativa di vita più breve della nostra, è nel corso naturale delle cose che dobbiamo dolorosamente lasciarli lungo il nostro cammino, ma quando il momento di dirgli addio prima o poi arriva, è sempre uno strazio, non ci si arriva mai preparati.

Ci consola il fatto che è stato un gatto davvero fortunato, ha avuto una vita lunga e in salute, è stato amatissimo, riempito di baci, di coccole, di amore, e in cambio ce ne ha donati ancora di più, riempiendo le nostre stanze con i suoi miagolii e il suo corpicino peloso, che odorava di pane appena sfornato, e i nostri cuori con il suo affetto incondizionato.



Ora ci è rimasta solo Titti, che in questi giorni sembra capire, con il senso misterioso degli animali, la nostra grande pena e non si allontana mai da me, è qui tra le mie braccia anche mentre scrivo, silenziosa presenza che consola e lenisce il dolore. Sappiamo bene che anche lei è una signora gatta anziana, 16 anni e mezzo, e prima o poi anche per lei verrà il momento di dirle addio, ma non ci si può neanche privare dell'amore e dell'affetto di questi esseri meravigliosi   per paura che prima o poi se ne andranno.






Koko si è addormentato mentre lo accarezzavo, ha trovato la pace dopo tanto dolore, e mi consola il fatto di essere rimasta con lui fino all'ultimo istante, che si sia sentito amato fino alla fine.

La cosa più straziante, tornata a casa col trasportino vuoto, in una giornata grigia e fredda come il mio umore, è stato togliere le sue cose, le sue ciotole i giornali sulla credenza, la coperta nell'angolino dell'ingresso dove si era rifugiato negli ultimi giorni, come un animale nella tana, ed ora non ci sono più tracce di lui, almeno in casa, che ora pare vuota e triste,  ma ha lasciato una traccia indelebile nel cuore di tutti.


Il nostro meraviglioso micio verrà ricordato non solo per la sua insolita bellezza, i suoi stupendi occhi di cristallo (tutti i gatti sono belli, ma lui lo era ancora di più),  ma soprattutto per l'incredibile dolcezza del suo carattere, che era riuscita a conquistare anche le persone che non amavano i gatti.  Il suo sport preferito era starsene sdraiato sulle ginocchia a farsi accarezzare, poteva rimanerci anche tutto il giorno.
Ci ricorderemo per sempre le sue fusa rumorose, il suo sguardo limpido e curioso, il suo musetto di velluto nero, le sue passeggiate sui davanzali a farsi accarezzare dal sole il pelo setoso e a mangiucchiare i trifogli nei vasi, le ore serene passate abbandonato tra le mie braccia, sul divano, sotto la coperta.



Koko se n'è andato, portandosi via il raggio di sole con cui illuminava la nostra casa, lasciando le nostre giornate più tristi e più buie, senza la luce dei suoi splendidi occhi acquamarina.

Addio, piccolo amico.


38 commenti:

  1. Piango senza ritegno. Non posso nemmeno scrivre. Ti voglio bene.
    miciapallina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie micia, so benissimo che nessuno meglio di te può comprendere il nostro dolore!

      Elimina
  2. Ciao cara, capisco cosa stai provando, e ti abbraccio fortissimo.
    un bacio grande
    valentina

    RispondiElimina
  3. Cara..coraggio.. so bene cosa stai provando ho perso due amici pelosi a 4 zampe (cani) e vist che erano considerati di famiglia è statod avvero come perdere un familiare.. Solo che ha rispèetto e ama gli animali può capire.. ed io capisco te!!! Sappiamo quando neprendiamo uno.. come hai detto.. che hanno vita più breve della nostra..ma non è la paura di doversci staccare da loro che deve impedirci di dare e ricevere da loro amore! Tu lo hai fatto.. elo ricorderai sempre.. E lui..è nel paradiso degli animali.. e come dico a chi perde il suo amico peloso.. son sicura che al momento gioca con tutti quelli che sono là ormai da anni..magari sono i miei due gatti ad inseguirlo mentre Koko scappa.. :-)... Ti abbraccio tanto forte

    RispondiElimina
  4. I miei due cani volevo scrivere.. scusami gli errori.. ma ho scirtto di getto.. sono istintiva :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho avuto anche io due cani, e il dolore è stato lo stesso, quando li ho persi...spero proprio che possano ritrovarsi tutti, i miei amori e i tuoi

      Elimina
  5. Ormai gli animali di casa fanno parte della famiglia e quando ce ne separiamo il dolore è forte. Questo è uno dei motivi per cui preferisco non tenere animali in casa: la loro vita è più breve della nostra e la loro scomparsa mi darebbe un grande dolore.
    Per il momento mi accontento di ospitare le gatte di mia figlia, quando deve lasciare casa per andare in vacanza.
    Un caro abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho animali da quando ero piccola, gatti, cani, uccellini e tartarughe, non potrei mai stare senza, però è così triste...

      Elimina
  6. Ne ho persi due, entrambi morti tra le braccia, e li saluto ancora, ogni sera, dopo 17 e 3 anni che ci hanno lasciato.
    Ti capisco bene... un abbraccio forte!!!!

    P.s.: due gatti bellissimi, Koko e Titti !!!!

    RispondiElimina
  7. Mi hai commosso! Ho riprovato il dolore della perdita di Billi, il mio caro cagnolino.

    RispondiElimina
  8. Ciao bellissimo Koko, hai ricevuto e donato tanto amore e nulla andrà perduto…continua a vegliare con i tuoi fantastici occhi sulla tua famiglia umana dall'alto dell'Arcobaleno..

    RispondiElimina
  9. sono molto commossa!siamo amiche su fb..ho anche io una gattina , che adoro..Stella..lei è giovane, ha 4 anni...insomma...piango senza ritegno..addio piccolo koko!

    RispondiElimina
  10. Io stessa mi sono affezionata al tuo piccolo Koko, ne leggevo qui sul blog, ne guardavo le splendide foto su fb e non ti nego che è con le lacrime agli occhi che sto scrivendo questo commento. Purtroppo so come ci si sente ho avuto la fortuna di condividere la mia vita con splendidi animali, cani, gatti, cavalli ed ogni volta è il solito strazio perchè ogni animale ha il suo carattere ed è meraviglioso propio per la sua unicità, ma a renderli così speciali è l'empatia che tutti loro ci dimostrano. Vi mando un abbraccio forte ben consapevole del fatto che non esistono parole che possano lenire il dolore.

    RispondiElimina
  11. Mentre due lacrime mi stanno per scendere dagli occhi, non posso aggiungere altro a quello che hai scritto tu... 17 anni sono un'età davvero splendida per un micio, che ha avuto sicuramente la fortuna di vivere una vita altrettanto splendida, grazie a voi. Hai ragione... tutti i gatti sono belli ma Koko era ancora più bello. Io sono convinta che l'amore che si crea, si prova e si instaura in questa vita non finisca sicuramente solo perchè viene meno la presenza fisica... l'amore resta e trova nuovi modi di manifestarsi, ma continua a fare la differenza. E sono altrettanto certa che esista un posto dove tutte le anime che hanno conosciuto l'amore, prima o poi si ritroveranno... almeno così voglio sperare e pregare, per quando anche io ritroverò quegli amici, umani e non, che ho incontrato e perso lungo il cammino. Ciao Koko e un abbraccione a te.

    RispondiElimina
  12. Carissima Laura, mi dispiace tanto per il tuo Koko. Comprendo molto bene la tua tristezza e lo sgomento che si prova quando arriva il momento di togliere le ciotole, la cuccia... A volte ritrovo sui vecchi vestiti qualche pelo supertstite dei miei animali che non ci sono più e mi torna la nostalgia della loro delicata ed affettuosa presenza. Un abbraccio.
    Giorgia

    RispondiElimina
  13. Cara Laura,ti abbraccio forte. So cosa significa. Ho purtroppo anche io dovuto salutare tanti amici pelosi nel corso della mia vita. Mi sono anche io sempre consolata pensando che avevano avuto una bella vita e che erano stati amati come di più non si potrebbe.
    Un bacio
    Francesca

    RispondiElimina
  14. Povero Koko... capisco cosa provi in questo momento e con il cuore sono lì con te.
    Un abbraccio forte forte.

    RispondiElimina
  15. Tesoro...ti capisco...è uno strazio dover togliere tutte le sue cose...è enorme il vuoto che lasciano...fanno parte della famiglia, fanno parte di noi...ho perso una micia e un cagnolino che allora erano i miei fratellini...ed ora con me ho Molly che come dico sempre è la nostra primogenita...pensare a quei momenti è straziante ma vale la pena passarli se si pensa a tutto l'amore che ci danno... Oh sì Titti capisce quello che è successo...come lo aveva capito la mia Micia quando erano volato in cielo Clean...era diventata insolitamente coccolona...sembrava cercare conforto anche lei...

    Ti abbraccio forte forte
    Monica

    RispondiElimina
  16. Comprendo bene quello che provi, anzi nelle tue parole ho rivissuto il mio dolore di un po' di anni fa quando se ne andò il mio Maffi, a tutti gli effetti un fratello. No, senza gatti non si può stare e il fatto che si soffra così tanto per la loro perdita è la dimostrazione di quanto sia stato importante e prezioso aver condiviso con loro un pezzo del nostro cammino. ... ti sono vicina

    RispondiElimina
  17. Che brutta notizia... Ho gli occhi pieni di lacrime.

    RispondiElimina
  18. mi spiace tanto...ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  19. Vicina al tuo dolore, Koko però non vorrebbe vederti triste. Sono frasi di rito lo so ma che a volte servono per non essere sopraffatti da tanta sofferenza. Inutili altre parole quando già si sa non saranno di conforto. Un forte abbraccio e infinite coccole alla tua Titti.

    RispondiElimina
  20. Mi sono fermata a leggere le tue parole sulla perdita di Koko perchè anch'io mi sono ritrovata nel tuo stesso dolore quando la mia micia di 21 anni si è spenta dopo tanti giorni di sofferenza. Era cresciuta assieme a mia figlia. Non volevo più gatti, ma dopo pochi mesi in piccolo gattino ci ha adottati!!!

    RispondiElimina
  21. Ti sono vicina, cara, con tutto il cuore...

    RispondiElimina
  22. Oh, povero tesoro, almeno ha smesso di soffrire...
    Ti sono vicina! Capisco il tuo dolore. E' vero, purtroppo hanno una vita più breve della nostra, e noi non possiamo fare altro che dar loro tutto il nostro amore e la nostra cura e accompagnarli nel miglior modo possibile quando la vita li porta altrove. Per fortuna rimangono i magnifici ricordi che abbiamo di loro! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  23. solo chi ha animali può capire l'amore che ci danno ed il vuoto che lasciano, posso solo abbracciarti idealmente , perchè so cosa si prova , anche lui starà saltando tra i verdi prati del gattodiso e chissà forse insieme alla mia Milla , con affetto Reby

    RispondiElimina
  24. Carissima, ha proprio ragione: si soffre quando ci si separa da loro, ma non è un motivo sufficiente per non amarli e godere della loro compagnia. Con i tuoi simpatici racconti di Koko (e Titti) hai divertito anche mia figlia, che ha tanta nostalgia dei nostri gatti di Roma... e con lei, anch'io... Coraggio.

    RispondiElimina
  25. Mi spiace tanto! Bellissimo gatto Koko, sembra la mia Kira ,morta 10 anni fa. un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, io passo di rado sul tuo blog, anche se mi piace molto,ci sono capitata per caso tempo fa, ecco perché commento in ritardo la perdita di Koko, ci sono passata, ci passerò, io ho tre gatti arrivati per caso uno la volta dopo che Milu se ne era andata a 18 anni. Avevo giurato che non ne avrei più tenuti, si soffre troppo quando se ne vanno, ma, per fortuna, loro non mi hanno permesso di scegliere ed io che mi sentivo una traditrice per chi se ne era andato ho scoperto che i nuovi arrivi leniscono il dolore, non si dimentica chi c'è stato, ma ci sono nuovi amori. Attraverso la tua pagina sono arriva a Bea e le sue zampette, alla sua 'mamma' Pina che chiamo di tanto in tanto ed alla quale mando quello che posso. Perché questa cagnolina mi ha preso il cuore, e sarebbe bello che altre persone aiutassero questo donna generosa che io non ho mai incontrato e che è in enorme difficolta a sfamare i suoi 38 cani oltre a Bea.

      Elimina
    2. ci sono amori anche a distanza

      Elimina
  26. Possibile che anche dopo 13 anni dalla morte della mia Cindillina, questo tuo post riapre la ferita?
    Eh si, Cindillina era la mia Squama di tartaruga", identica alla tua Titti, con il musino tagliato a metà da due colori.
    Stava bene, la sera si è messa sullo schienale del divano accucciata, ha aspettato che arrivasse mio marito dal turno che finiva a mezzanotte e, appena entrato, è scesa dal divano come per andargli incontro e invece ha cominciato a fare versi strani. Una volata dal veterinario e alla mattina non c'era più.
    Lo stordimento dell'improvviso e la sofferenza di un distacco violento.
    Ora di gatte ne ho tre, meravigliose. Ma il ricordo di Cindillina è sempre presente.
    Chi ci legge e non ama gli animali si metterà a ridere, ma questo per noi è un lutto di famiglia. Per chiunque apra le porte di casa ad un "animale", questo diventa un amico che ha il nostro odore, le nostre abitudini giornaliere, che si fonde completamente con la famiglia e ogni programma di vita prevede anche la sua presenza.
    Questo però significa che al momento del distacco la sofferenza è la stessa del perdere un caro.
    Parole per consolarti non ce ne sono tranne, come hai detto tu, la consolazione di avergli dato una casa, affetto e quant'altro per farlo stare al meglio avendo in cambio tanto amore.
    Un grande abbraccio affettuoso, Lorena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche con Titti abbiamo rischiato la stessa cosa che è successa a te, per fortuna l'hanno salvata ed è ancora qui con noi, per fortuna. Un abbraccio anche a te, le tue parole e il ricordo della tua gatta amatissima mi hanno commossa!

      Elimina
  27. Io avevo due cani meticci presi insieme da una cucciolata cui la madre era morta, li ho cresciuti a biberon, svezzati, cresciuti e amatissimi. Sono volati via; tanta sofferenza, ma non ho voluto buttare i loro due guinzagli, che sono ancora appesi al calorifero della cucina, da ormai quindici anni. Quando li vedo, ora sorrido tra me e me. Adesso ho una gatta nera, anche lei meticcia, ovviamente, con grandi occhi verdi. Lo so che soffrirò ancora quando se ne andrà, ma non voglio privarmi dell'affetto che questi amici possono donare. Ti sono vicina.
    Bernadette.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Bernadette, io ho ancora la foto del mio cane sul cassettone, e se ne è andato nel 1988 :)

      Elimina
  28. posso capire il tuo dolore e voglio dirti che apprezzo moltissime le tue parole quando dici che non e' giusto privarsi dell'amore degli animali per la sola paura di perderli...la penso come te e ad ogni perdita, dolorosissima, anche noi abbiamo aperto la porta di casa ad un nuovo amico. L'ultima arrivata, Melissa, che ora ha 5 mesi e' come la nostra terza figlia...e la vecchia Malva ( 7 anni ) sembra far da mamma a tutti, piccola gattina e due bimbi... sono sempre piu' convinta che a loro manchi solo laparola!! Ti abbraccio forte e non vedo l'ora di vedere la foto di un nuovo amico in casa vostra!! Per ora posso dire : buon viaggio Koko, e porta un saluto a tutti i miei amici che troverai, ovunque tu andrai....

    RispondiElimina

Pellegrino che ti aggiri per queste lande incantate, mi farebbe piacere una traccia del tuo passaggio...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails