I miei viandanti

giovedì 28 marzo 2013

Buona Pasqua a tutti



Anche quest'anno è arrivata Pasqua, insolitamente presto ed in un mese davvero grigio e uggioso.



Mi sono davvero stancata di questo inverno, di passare pomeriggi tetri con la pioggia che batte fuori dalle finestre, ho voglia di sole, di aria tiepida, di passeggiare per le vie di Roma  senza sciarpa, cappello e ombrello...ma diciamo così tutti gli anni, e poi ci lamentiamo da giugno in poi, quando cominciamo a dire che il caldo ha stufato e non si vede l'ora che torni il fresco, l'umido.


Come sempre succede a Pasqua, sarà brutto tempo, ed è triste andare in collina con la pioggia, anche perché il bello della casa dei nonni è proprio il giardino, e fare delle belle passeggiate appena usciti dal paese, ma a Pasqua troviamo sempre pioggia e qualche volta addirittura la neve, nonostante il paese sia a soli 70 chilometri da Roma. Non abbiamo una grande tradizione di ricette pasquali, a casa mia, e neanche il rituale della colazione della mattina di Pasqua: non si fanno pastiere, né focacce, né casatiello, l'unica cosa fissa sono le uova sode ed il salame, per il resto sono le cose buone che cucina mamma, quest'anno cannelloni con sugo e besciamella, rombo al vino, peperoni al forno, macedonia e il dolce, che di solito porto io (sono indecisa tra la crostata di ricotta e mandorle e quella con la crema al limone).


Ieri ho avuto un atto di panificazione acuta: erano mesi, addirittura anni, che non mettevo le mani in pasta per fare il pane, anche la mdp è stata relegata in un cantuccio del ripostiglio: forse perché sono sempre preparazioni lunghe, ed io ho davvero poca pazienza, preferisco impastare un ciambellone ed infilarlo in forno.

E poi c'è sempre l'incognita della lievitazione, diciamo che non è una cosa che mi riesce sempre: sono convinta che in qualche modo la mia poca pazienza incida sul risultato, chissà...


Poco tempo fa ho avuto un'interessante conversazione con un mio vecchio amico, che ha fatto un corso da panettiere, e che è inorridito sia per la mdp sia per l'uso del lievito di birra: lui ovviamente ha la sua bella pasta madre con cui produce pagnotte leggere e profumate, ed io sono morta dall'invidia, primo perché non ci ho mai provato, due perché non ho la costanza per mantenermi il lievitino arzillo, me lo dimenticherei dentro la credenza ad appassire tristemente per mancanza di coccole, ne sono sicura. E' che non panifico spesso, anche nei miei periodi più produttivi, perché mio marito non mangia mai il pane, io invece ne sono ghiotta e rischierei di mangiarmi una pagnotta intera così, senza niente.


L'altro giorno,facendo la spesa,  avevo notato una bustina invitante, con la dicitura Lievito Madre essiccato: l'ho trovata sia al Discount, ma non mi sono fidata, e poi l'ho trovato anche al supermercato, questa di una marca famosa, la Molino Rossetto: non ho resistito e l'ho infilata nel carrello, presa da un'improvvisa voglia di tirare fuori la mdp e sfornare qualcosa di morbido e croccante.

Mi sembrava troppo bello che esistesse una pasta madre essiccata, senza fare tutta quella fatica di fare il lievito e di mantenerlo in vita: sono andata però a cercare in rete notizie, e in realtà ho scoperto trattarsi di un lievito madre a cui però è aggiunto del lievito di birra per attivarlo, perché la polverina in sé stessa non si attivarebbe, da sola.
Ho scoperto anche che c'è un bel dibattito sull'argomento, come potete leggere in questa  pagina e questa: insomma,  come al solito ci sono persone a favore e persone assolutamente contrarie, sia al suo uso (molte persone allergiche al lievito di birra potrebbero essere indotte ad usarlo, ed invece il lievito c'è, e non si sa neanche in quale proporzione rispetto al lievito madre) sia alla percentuale in rapporto alla farina.

Ho letto in molti forum che utilizzando la dose consigliata sulla bustina, il sapore di lievito di birra è molto forte e la pasta lievita troppo, per cui si consiglia di utilizzarne molto molto meno del 7% nella stagione calda e 10% nella stagione fredda.


Insomma, niente a che vedere con la vera pasta madre che io pensavo di aver comprato ma, siccome avevo speso due euro e spicci per questi 100 grammi di polverina incantata, ho pensato di impastare (a mano) un bel pandolce all'uvetta.

Ho fatto come al solito, latte tiepido, 10 grammi di polverina su 500 grammi di farina (e rispetto ai consigli dei vari forum pensavo fosse anche troppo), burro, zucchero etc...Ovviamente con così poco lievito la pasta ha bisogno di una lievitazione medio-lunga, minimo 8 ore, per poter crescere, ma il sapore è decisamente migliore, perché a me il sapore del lievito di birra piace poco, preferisco metterne pochissimo e dare invece tanto tempo alla pasta.

Risultato: dopo 8 ore la pasta era un mattoncino, esattamente come quando l'avevo impastata. Direte, che ricetta hai usato? Una di un vecchio giornale, e dalla consistenza non mi sembrava niente male. Nella ricetta in realtà non c'era specificato il tipo di lievito, però ho pensato che per un pandolce lievitato la consistenza era proprio quella giusta. Ho anche aggiunto messo 100 grammi di Farina Manitoba, per aiutare la lievitazione.

L'ho rimesso al calduccio nel forno, ben coperto, per un totale di 24 ore.
Stamattina mi sono arresa all'evidenza: più che un lievitato, la palla aveva la consistenza di una frolla, esattamente come quando l'avevo impastata, 24 ore prima.
Non so bene dove ho sbagliato, se nel mescolare gli ingredienti, nella temperatura forse non caldissima, nel latte troppo caldo, oppure nella quantità del lievito, addirittura della ricetta...insomma, un disastro. Il mattone è finito direttamente nel secchio dell'immondizia, ma io ho ancora 90 grammi della polverina magica e quanto meno cercherò di non buttare anche questa.

Mi sa che farò un giretto per i vostri blog, cercando un pandolce fatto con questo lievito madre, una ricetta sicura che non farà anche lei una brutta fine.


Non mi sono arresa, avevo voglia di qualcosa di dolce, di sfizioso, e cosa c'è di meglio di qualche biscottino da sgranocchiare allegramente, magari con una buona tazza di tè?



Sono biscottini semplici semplici, sono partita dalla base della pastafrolla e li ho aromatizzati con limone e del Limoncello fatto in casa che mi hanno regalato.

Sono venuti  piuttosto croccanti, se invece li volete più morbidi aggiungete mezza bustina di lievito vanigliato.


Qualcuno di voi ha utilizzato questo lievito madre essiccato? Cosa ne pensate? Avete qualche consiglio da darmi?

Ancora Buona Pasqua a tutti, auguro una bella giornata serena, con le persone che amate e con tanto cioccolato!

40 commenti:

  1. Belli!!! sono anche conquistata dai tuoi bicchieri, anche io adoro il colore in tavola :)
    Vabbè, prendiamo questa pasqua come ci viene, se piove vuol dire che ce ne stiamo sul divano con i nostri mici :)
    Martina

    RispondiElimina
  2. ma quanto sono belli questi biscottini!!!! a presto Laura e buona pasqua!

    RispondiElimina
  3. I biscottini sono proprio belli :))
    Buona Pasqua anche a te cara fanciulla :))

    RispondiElimina
  4. Biscottini belli da vedere oltre che da mangiare! Torte pasquali? in Toscana,nella Lucchesia sono quelle al cioccolato!!!
    Buona Pasqua
    Lieta

    RispondiElimina
  5. Buoni e belli questi biscotti... con la voglia di dolci che mi ritrovo stasera, sarei capace di farli sparire tutti!

    Io uso il lievito di pasta madre in polvere "Antico Molino Rosso" e lo utilizzo per fare la pizza. In effetti sulla confezione è specificato che è attivato con il lievito essiccato. Anche se qualcuno storce il naso, io lo trovo davvero comodo, d'altra parte sono sicura che con la pasta madre fresca, combinerei un sacco di pasticci!!

    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  6. Ciao Geillis,
    ricambio di cuore i tuoi auguri.
    Io in cucina non sono brava e per fortuna lo è mio marito, ma il tuo blog mi piace molto, soprattutto le sezioni dedicate ai viaggi e agli animali.
    A presto!

    RispondiElimina
  7. Non conosco il lievito di cui parli...ma per non avere nessuna reazione mi chiedo quanta vitalitá ha...non è detto che a sbagliare sia stata tu :-)

    RispondiElimina
  8. Belli e sicuramente buoni i tuoi biscotti!
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  9. vorrei vederti a discutere con l'amico panettiere!!! Buonissimi questi biscotti e Buona Pasqua!!

    RispondiElimina
  10. Io anche non sopporto più questo tempo.. il passaggio repentino dal spole alla pioggia mi innervosisce parecchio! Buoni i tuoi biscottini invece.. Per quanto riguarda MDP e lievito di birra.. eh lo so.. ma io resto fedele ad entrambi! Ihihihihhi Buona Pasqua.. Un baciotto :-)

    RispondiElimina
  11. Belli questi biscotti e mi sa anche buoni, mi ci vedo a sgranocchiarli davanti al camino con una bella tazza di tè ed un bel libro.
    Anch'io ieri ho dovuto buttare un impasto e mi eniva da piangere, volevo fare le trofie e l'impasto er perfetto non troppo umido, non troppo asciutto, ma alla fine non mi veniva il movimento per creare la pasta. Pensare che nei filmati sembrava una sciocchezza, invece...nulla ho perso la mattinata nel tentativo di riprodurle.
    Anche con il pane sono una novellina ho fatto più che altro pagnotte dolci con le gocce di cioccolato, panini al latte e sono da molto tentata dalla pasta madre, ma ho un po' i tuoi dubbi. Mi dispiace non poterti essere d'aiuto.

    RispondiElimina
  12. Tanti cari auguri per una serena e gioiosa Pasqua
    un abbraccio
    Alice

    RispondiElimina
  13. Carini i biscottini al limone!
    Buona Pasqua

    Elisa

    RispondiElimina
  14. @Martina: sono bicchieri della mia mamma, quelli verdi, e anche il vassoio con le roselline,anch'io adoro le stoviglie colorate!

    @Federica: grazie ancora per i consigli, ti farò sapere!

    RispondiElimina
  15. @Mari Angela: tantissmi auguri anche a te!

    @Lieta:torta al cioccolato pasquale, come vorrei assaggiare questa specialità!

    @ Lolle:è esattamente quello che ho usato io, la stessa marca, evidentemente ne ho messo poco, oppure ho sbagliato il procedimento, ma ne ho ancora tantissimo, ci riproverò

    RispondiElimina
  16. he di vitalità non ne abbia, c'è dentro il lievito di birra che fa da attivatore, ma non funziona come quello secco, perché il secco lo uso sempre, ho usato lo stesso procedimento ed invece niente...

    RispondiElimina
  17. Ciao Nicoleta, grazie per la tua visita!

    @Giulia: il mio amico è molto persuasivo, e in più sicuramente ha fatto più esperienza di me, mi piacerebbe fare un corso anche a me!

    RispondiElimina
  18. @Claudia: sono una sperimentatrice, e poi mi piace l'idea di imparare sempre cose nuove...la mdp è comodissima, però volevo provare anche in modo alternativo: fallito, ma non mi arrendo!

    @Cispiolina: allora non sono la sola che combina un sacco di pasticci, che bello :)

    RispondiElimina
  19. @Alice: grazie degli auguri, ricambio di cuore

    Grazie Elisa, anche a te

    RispondiElimina
  20. Carissima, sono tre volte che cerco di commentare e ogni volta ho dovuto lasciare...le ancelle del tempio oggi sembrano impazzite :-D. Dunque, il lievito madre essiccato non sapevo nemmeno che esistesse, confesso... quello da rinfrescare è un mio desiderio ma sono combattuta per il tuo stesso motivo. Se me ne dimentico? O peggio, se non trovo il tempo la sera di rinfrescare? Comunque i tuoi biscotti sono megnifici!! Ti auguro una splendida Pasqua, amica mia!!

    RispondiElimina
  21. Caspiterina, che meraviglia ^_^

    RispondiElimina
  22. i biscottini al limone hanno un aspetto delizioso!
    Qui al nord fa davvero un freddo anomalo per questa stagione, sembra di esser tornati a fine novembre.. e come già presagito dai vari meteorologi, le scampagnate di Pasquetta salteranno in gran parte d'Italia... peccato, sarà per il prossimo anno!
    Io non ho idea di cosa ci sarà come menù pasquale, conoscendo mia sorella, ci dirotterà a casa della suocera che è cuoca e allora bye bye ai pochi etti smaltiti nelle settimane precedenti :D.. Cara, auguro a te e famiglia di passare buone festività pasquali. Auguri e a presto! :)

    RispondiElimina
  23. ps/ no, mai provato il lievito madre essiccato, ma ora sono curiosa di farlo!! :)

    RispondiElimina
  24. Amo i biscotti al limone e i tuoi, oltre che meravigliosamente forografati, sembrano delicati e deliziosi!!

    RispondiElimina
  25. Ciao hai un bellissimo blog! sono nuova qui e mi iscrivo con piacere! se ti va passa da me! ciao :)

    RispondiElimina
  26. Ciao mi unisco volentieri al tuo blog, arrivo giusta giusta per rubarti un biscottino ^___-, hanno un aspetto troppo invitante.
    Io sono della provincia di Verona e il dolcei tipico di Pasqua in dialetto viene chiamato "brasadelo", ha un impasto semplice e non morbido, perfetto per essere inzuppato nel vino Recioto, puo'avere la forma di ciambella, pagnotta o di colombina.
    Ti auguro una Buona Pasqua
    ciao
    Erica

    RispondiElimina
  27. Bellissimi e presentati divinamente!!! Complimenti e tanti auguri di buona Pasqua

    RispondiElimina
  28. deliziosi questi biscottini.. molto invitanti!!! buona pasqua!!

    RispondiElimina
  29. @Eleonora: sono venuti graziosi, è vero...tantissimi auguri di Buona Pasqua!

    Grape Black: Benvenuta, sono venuta a trovarti nel tuo, molto interessante!

    @Erica74: non conosco questo dolce, purtroppo a Roma non l'ho mai visto, l'hai fatto, per caso? potrei provare a farlo!

    RispondiElimina
  30. @Blueberry: Buona Pasqua anche a te, piacere di averti conosciuta!

    @Grazie Paola, augurissimi anche a te!

    @Melba: anche qui a Roma fa freddo, troppo per questa stagione, stiamo ancora con i maglioni pesanti, immagino quanto freddo faccia dalle tue parti, non se ne può proprio più! Un abbraccio e buona Pasqua!

    RispondiElimina
  31. @Lifest99: grazie e ricambio di cuore!

    @Ros: meglio che ci sia tanto lavoro che poco, credimi!!! Un grandissimo abbraccio, spero che queste giornate siano un'occasione per stare insieme alle persone care, tantissimi auguri!!

    RispondiElimina
  32. Che dire?? molto ispiranti! mi viene voglia di mangiarli :):)

    RispondiElimina
  33. che belli questi biscottini, una delizia. sono una fan della pasta madre e , devo dire che , pur non avendo mai provato prima, non ho trovato molte difficoltà , sicuramente tante soddisfazioni , provare per credere.
    auguri per una serena Pasqua con affetto Reby

    RispondiElimina
  34. Ma che splendide foto *__*
    Seguo il tuo blog da tanto e ogni volta migliori sempre di più.
    Buona Pasqua, Geillis!!

    RispondiElimina
  35. grazie per essere passata da me, buona Pasquetta!
    Deliziosi questi biscotti al limone...chissà che buoni!
    A presto

    Lena

    RispondiElimina
  36. @Grazie a te, Lena!

    @Elisabetta: tantissimi auguri!

    @Vele Ivy: faccio quello che posso per non fermarmi mai, ma questo lo facciamo un po' tutti, altrimenti non saremmo ancora qui con i nostri racconti sempre nuovi...buona pasquetta, carissima!



    RispondiElimina
  37. @rebecca: ci devo assolutamente provare, prometto!

    @dm: grazie!!!

    RispondiElimina
  38. Fatti venerdì sera e portati nella casa al mare di Andora (IM) del mio ragazzo. Spazzolati presto presto. Sono ottimi, e sanno proprio di biscotti fatti in casa.

    Caso vuole che sabato mattina, poco dopo il mio arrivo, il mio ragazzo mi ha regalato la...SPARABISCOTTI! :)

    Un abbraccio e Buona Pasqua anche se in ritardo!!

    RispondiElimina
  39. Sono contenta che ti siano piaciuti!!!!

    RispondiElimina

Pellegrino che ti aggiri per queste lande incantate, mi farebbe piacere una traccia del tuo passaggio...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails