I miei viandanti

venerdì 23 luglio 2010

Ciambella all’Uvetta al profumo di Limone con bagna al Miele

ciambella1

Eccoci arrivati anche a fine luglio, praticamente alla vigilia delle vacanze.

In realtà, per me questo luglio è scivolato così, come non fosse mai stato veramente vissuto, come un'interruzione della vita vera.
Sono passate quattro settimane dall'operazione, sto decisamente meglio anche se con tutte le precauzioni del caso, e profondamente annoiata.
In queste tre settimane di arresti domiciliari ho fatto ben poco, tranne riposarmi, leggere moltissimo, guardare molta più televisione del solito: d'altra parte, la convalescenza non è certo un divertimento, si aspetta solo pazientemente che il corpo aggiusti le ferite, e che si riprendano le forze.
Ora spero di svagarmi un po', visto che all'inizio della prossima settimana facciamo le valigie ed andiamo in Abruzzo: non credo che farò delle vacanze molto attive, ma sicuramente cambiare aria e ambiente mi aiuterà a distrarmi, sono veramente contenta di muovermi da Roma.
Ed ecco un dolcetto semplice semplice, ma buonissimo, che ho fatto l'altro giorno, sfidando le temperature tropicali di questi giorni!

Questa ciambella la dedico alla carissima Donatella, che per il mio compleanno ha pensato a tante cose deliziose per la cucina, ben conoscendo la mia passione per stampi da dolci e così via, tra cui uno stampo da Kugelhupf che ho inaugurato subito. E’ uno stampo antiaderente, da cui il dolce si è staccato benissimo, al contrario di un vecchio stampo di alluminio responsabile di un paio di disastri (una torta e un budino) che verrà archiviato senza rimpianti, oppure andrà a decorare le pareti della cucina, assieme a vecchissime teglie di rame in cui mia nonna cuoceva i suoi dolci, qualcosa tipo cinquant’anni fa.

Avevo in mente di utilizzare una ricetta presa dal Ricettario PaneAngeli, in cui c’era anche il burro, dimezzando le dosi per adattarle allo stampo.
Non so voi, ma io ho veramente un pessimo rapporto col burro: innanzi tutto non mi piace moltissimo il sapore, nei dolci, soprattutto se è tanto. E poi gli impasti mi vengono sempre un po’ torbidi e grumosi, chissà perché, mai lisci come quando ci metto olio o ricotta.

In ogni caso, stavolta ho provato a battere prima le uova e poi aggiungere il burro morbidissimo: il risultato è stato catastrofico, nel senso che la frusta elettrica ha cominciato a far volare schizzi dappertutto e l’impasto è impazzito, riducendo in due secondi la cucina come un campo di battaglia.

La poltiglia gialla e grumosa non ne voleva sapere di diventare un impasto decente, allora ho buttato tutto e ho ricominciato daccapo, facendo di testa mia per le dosi e sostituendo il burro con l’olio.
Il risultato è stato perfetto, un dolce morbidissimo, bello alto e dal gusto delicato.

Io l’ho cotto in questo bello stampo e quindi l’ho capovolto, ammorbidito con una bagna di miele e liquore e decorato con confettini di zucchero colorato: se non volete fare la bagna, decoratelo solo con lo zucchero a velo, rimane morbido comunque.

Se volete farlo in uno stampo a ciambella normale, orientatevi su una misura tipo 20/22 centimetri, altrimenti rischia di venire troppo basso.

ciambella2

Ciambella all’Uvetta al Profumo di limone con bagna al Miele

Per uno stampo da Kugelhupf di 18 centimetri di diametro:
2 uova
250 grammi farina
125 grammi zucchero
75 ml latte
100 grammi olio evo
succo e buccia di 1 limone
1 bustina di Lievito PaneAngeli
Uvetta

Per decorare: due cucchiai di miele e Strega
Confettini colorati

ciambella3

Battere le uova intere con lo zucchero, fino a farle diventare belle gonfie (con la frusta elettrica).

Aggiungere il latte, l’olio, il succo e la buccia grattugiata del limone.
Aggiungere la farina mescolata al lievito, quindi l’uvetta.
Imburrare ed infarinare uno stampo antiaderente da Kugelhupf, versare l’impasto ed infornare a 180 gradi sul secondo ripiano dal basso per 50 minuti

Quando si è freddata la torta, rovesciarla.

Diluire due cucchiai di miele con un goccio di Strega (o acqua) e sciogliere qualche secondo sul fuoco, quindi spennellare il dolce col miele, e cospargerlo di confettini colorati.

In alternativa, se non volete bagnarlo col miele, spolverarlo semplicemente di zucchero a velo.

26 commenti:

  1. E' incredibile come un semplice impasto, cotto nello stampo giusto, assuma un aspetto regale! Bellissima ciambella, cara... Anch'io preferisco l'olio al burro nei dolci e in generale tendo a sostituirlo ogni qualvolta mi sia possibile senza compromettere il risultato finale della preparazione di turno. Pensa che una volta volevo provare a fare la mousse di prosciutto e vi ho rinunciato non appena ho letto che tra gli ingredienti era previsto un quantitativo di burro pari a 300 grammi!!! Molto carina l'idea della bagna a base di miele... Nel mio Salento il miele rientra nella preparazione di moltissimi dolci, uno più squisito dell'altro! Buona giornata, tesoro :-)

    RispondiElimina
  2. @ Lucia: io evito tutti i dolci col burro, ma qualche volta sono tentata, se la quantità non è molta...ma alla fine si riesce anche a sostituirlo senza problemi!
    Infatti, per la copertura, mi sono ispirata al dolce natalizio, la cicerchiata, che ho mangiato una sola volta ma mi è piaciuto moltissimo, anche esteriormente!

    RispondiElimina
  3. Geillis ma questa ciambella è una vera favola!Direi che la convalescenza sta andando piuttosto bene, data questa meraviglia che hai sfornato ;) che profumino, che morbidezza..complimenti per questo dolce perfetto per le colazioni e le merende, magari con un bicchiere di latte freddo, gnam!!!
    Buon week end baci ^^

    RispondiElimina
  4. Meraviglia! sostituire il burro con l'olio, finalmente potrò gustarmi un dolce senza lo spauracchio del colesterolo!!

    RispondiElimina
  5. @ Mario: quasi tutti i miei dolci sono senza burro, perchè mi piace poco, lo sostituisco spesso con la ricotta, vengono buonissimi e più leggeri!

    @ MeggY: in effetti, devo dire che con le energie mi sta tornando anche la voglia di pasticciare in cucina!!

    RispondiElimina
  6. Ciao Laura, bellissima questa ciambella :)

    avevo risposto al tuo commento nel mio post del frozen yogurt, dicendo che non ho capito come fai tu ma che sono curiosa... se vuoi dirmi di più ;)

    S.

    RispondiElimina
  7. E' veramente semplice e invitante questa ciambella. Oggi poi non fa eccessivamente caldo (almeno per ora) e la voglia di provarla è tanta.
    Sono molto contenta della tua ripresa. Ti auguro ottime vacanze. Vedrai che il fresco dell'Abruzzo sarà un toccasana per per il corpo e per la mente; tornerai di sicuro ritemprata e pronta per tutto ciò che di bello ti aspetta.

    RispondiElimina
  8. Grazie Lella, spero proprio di ritemprarmi!! E tu, dove vai di bello??

    @ Serena: ruberò sicuramente il tuo frozen yogurt!!

    RispondiElimina
  9. Visto che me lo chiedi, ti dirò che dopo tantissimi anni di vacanze in Alto Adige (bellissime e veramente riposanti nonostante le "scarpinate" di ore e ore per raggiungere i diversi rifugi,)per la prima volta rimarremo a Roma. Al massimo trascorreremo qualche week-end in Toscana o in Umbria, che sono abbastanza vicine. Ma va bene lo stesso :-)
    Un bacione

    RispondiElimina
  10. Anche per me quelle parti sono tra le vacanze più belle che abbia mai fatto, posti stupendi che adoro (come sicuramente avrai intuito dalle tante foto che ho messo)...quest'anno anche io vacanze vicine, più che altro perchè non ho molti giorni e molte forze...ma anche la Toscana, Umbria e Abruzzo sono belli! Noi siamo stati un anno vicino Perugia, davvero posti incantevoli!
    vedrai anche non lontano troverai bellezza, arte e tante cose bune da mangiare, e anche abbastanza economiche!

    RispondiElimina
  11. Di certo mi mancheranno i paesaggi incantevoli e suggestivi (e che dire dei dolci??)dell'Alto Adige, ma so che il centro Italia non ha nulla da invidiare alle zone montane del nord. Basta pensare alla bellezza delle città, degli antichi borghi, delle montagne e dei paesini dell'Abruzzo e, come dicevi giustamente tu, alla bontà della cucina tipica locale.
    Per me va bene così, anzi...dippppiù!!!

    RispondiElimina
  12. Quest'anno sono tante le persone che vanno in Abruzzo, come noi...meno male, perchè quella bella regione ha bisogni di riprendere a vivere, e il turismo è una risorsa importante! Dove vai di preciso?

    RispondiElimina
  13. Ancora non abbiamo fatto piani precisi. Ma mi piacerebbe tornare a Villetta Barrea, dove ho trascorso per due anni le vacanze quando mio figlio era piccolino. Ne ho un ricordo bellissimo, come bellissime erano le gite alla camosciara e le passeggiate nei boschi. Ho letto che anche tu andrai da quelle parti. Mi piacerebbe dirti "speriamo di incontrarci", ma è ancora tutto in alto mare... Comunque OTTIME VACANZE, cara Geillis.

    RispondiElimina
  14. Laura, che delizia, questa ciambella! E la bagna con lo Strega ed il miele mi piace tantissimo! Me la segno, sai che sono sempre in cerca di questo genere di dolci, perfetti in ogni momento della giornata!
    Sono contenta che tra poco parti un po', vedrai che questo periodo passerà presto e diventerà solo uno spiacevole ricordo! Noi in Abruzzo andiamo quasi ogni anno, a trovare degli amici a Villa Santa Maria e l'abbiamo girata in lungo e in largo! :D
    Ti auguro relax, tante risate...e una ripresa velocissima!! ;D

    RispondiElimina
  15. @ lella: anch'io a Villetta Barrea!!! noi ci andiamo da vari anni, è un paese veramente delizioso, e ci sono belle passeggiate da fare nei dintorni...certo, non è il Trentino, però è comunque molto bello...ma pensa tu?!

    @ gabri: Villa santa Maria mi manca, più o meno da che parti si trova?
    La bagna Miele e Strega m'è venuta al momento, io adoro la Strega e la infilo dappertutto, e poi mi piaceva l'idea dei confettini, e senza qualcosa di appiccicoso non stavano mica su...

    RispondiElimina
  16. Piccola Geillis, come avrai notato la mia assenza sul blog ha fatto sì che mi sono dimenticata anche degli altri blog e vengo a sapere solo ora della disavventura capitatati.
    Ti auguro una pronta ripresa e una buona vacanza rilassante che ti permetta di ritemprarti. Io, nel frattempo, mi gusto il tuo blog con i tuoi post su Siviglia, veramente incantevoli e incantevole la città!
    Un bacione!
    Bzzzz, bzzzz. Morrigan apina laboriosa

    RispondiElimina
  17. Dolce, morbida e asciutta! Davvero buonissima questa ciambella e con le codette colorate è ancora più invitante!
    baci baci

    RispondiElimina
  18. Grazie sorelline, sono contenta che vi sia piaciuta!

    @ Morrigan: sì, ho visto che eri sparita dal tuo blog, appena ti ho vista riapparire sono venuta a leggerti, sai che adoro le avventure della tua gattina tartaruga (identica alla mia Titti).
    In effetti ho passato un brutto periodo, ormai quasi agli sgoccioli, per fortuna...non sparire di nuovo, mi raccomando!!

    RispondiElimina
  19. Una bella ciambella per addolcire la convalenscenza forzata... meno male che c'è il cibo :-)

    RispondiElimina
  20. @ Ivy: purtroppo!! Io dovrei stare molto attenta e dimagrire un po', invece queste tre settimane ho mangiato e sono rimasta immobile, per cui...

    RispondiElimina
  21. laura!!! ma è uno spettacolo!!!!!!

    RispondiElimina
  22. Vero che è graziosa? Anche l'occhio vuole la sua parte
    ^.^

    RispondiElimina
  23. Laura, ho appena scoperto il tuo blog, mi piace molto e questa ciambella è bella ed invitante

    RispondiElimina
  24. Ciao gironzolavo tra i blog ed eccomi qui. Se cerchi risorse free per abbellire il tuo blog con scritte, gadget, fotomontaggi e tantissime altre cose dai un occhiata al nostro blog. Ti lascio un saluto e buon inizio settimana.
    Gio'

    http://www.graficworld.blogspot.com/

    RispondiElimina
  25. Amiable brief and this enter helped me alot in my college assignement. Thank you seeking your information.

    RispondiElimina

Pellegrino che ti aggiri per queste lande incantate, mi farebbe piacere una traccia del tuo passaggio...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails